11:50 24 Marzo 2019
Un soldato russo in Siria

Siria, la polizia militare russa pattuglia la città di Manbij secondo gli accordi

© REUTERS / Omar Sanadiki
Politica
URL abbreviato
1110

La polizia militare russa sta pattugliando la città siriana di Manbij in base agli accordi raggiunti, ha dichiarato la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova.

"Questi erano gli accordi", ha detto la Zakharova in una conferenza stampa, rispondendo alla domanda sul perché la polizia militare russa pattugli Manbij e non le forze curde.

La Zakharova ha inoltre osservato che al momento non dispone di informazioni su un possibile incontro sulla Siria a livello di ministri degli Esteri della troika di Astana (Russia, Iran e Turchia).

Dopo che gli Stati Uniti hanno deciso di ritirare le proprie truppe dalla Siria, le unità di autodifesa curde YPG si sono rivolte a Damasco per trasferire sotto il controllo delle autorità siriane le zone che occupavano precedentemente, inclusa Manbij, per ricevere protezione dall'invasione turca. Alla fine di dicembre le truppe siriane sono entrate a Manbij. All'inizio di gennaio il ministero della Difesa siriano ha riferito che circa 400 combattenti YPG hanno lasciato Manbij recandosi verso la sponda orientale dell'Eufrate, dove i curdi intendono concentrarsi per combattere contro le ultime sacche di resistenza dei terroristi dell'ISIS.

Correlati:

Turchia attaccherà i curdi in Siria a prescidere dalle azioni degli Stati Uniti
Turchia si aspetta da Washington il ritiro delle armi americane cedute ai curdi siriani
Siria, Erdogan condanna le dichiarazioni di Bolton sui curdi
Difesa siriana: 400 combattenti curdi hanno lasciato Manbij d'accordo con Damasco
Esercito siriano entra a Manbij, in precedenza controllata dai curdi
Tags:
Curdi, Politica Internazionale, Difesa, Sicurezza, crisi in Siria, Esercito della Siria, Esercito russo, YPG, Il Ministero degli Esteri della Russia, Maria Zakharova, Siria, Turchia, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik