20:51 25 Maggio 2019
Pedro Sánchez e Quim Torra

Spagna, premier Sanchez sicuro: ci vorranno anni per risolvere la crisi catalana

© REUTERS / Juan Medina
Politica
URL abbreviato
104

Allo stesso tempo il premier spagnolo ha sottolineato che il dialogo tra Madrid e Barcellona dovrebbe avvenire all'interno della Costituzione e dello Statuto della Catalogna.

La risoluzione della questione catalana legata alla crescita del sentimento separatista nella regione richiederà anni. Questa opinione è stata espressa dal capo del governo spagnolo Pedro Sanchez in un'intervista pubblicata oggi sul quotidiano Vanguardia.

"Non possiamo raggiungere una soluzione politica alla crisi che la Catalogna vive da oltre un decennio senza creare un clima di fiducia e impegno istituzionale", ritiene il premier.

Secondo Sanchez, il dialogo tra Madrid e Barcellona "dovrebbe avvenire nel quadro della Costituzione e dello Statuto della Catalogna".

Sanchez ha osservato che il suo governo è favorevole "al dialogo, ad un accordo e al compromesso che assicurino la convivenza all'interno della società catalana". "Ho sempre sostenuto che per la soluzione della crisi catalana ci vorranno anni", ha sottolineato il primo ministro. "La prima cosa che dovremmo fare è precisare la riforma dello Statuto della regione, che potrebbe essere una via d'uscita", ha aggiunto.

Il 20 dicembre Sanchez ha incontrato per la seconda volta il governatore della Catalogna Quim Torra. A margine dell'incontro entrambe le parti si sono impegnate a compiere sforzi per mantenere il dialogo nella risoluzione della crisi regionale. Sia il governo centrale che Barcellona hanno concordato che esiste un "conflitto sul futuro della Catalogna".

Correlati:

Capo della Catalogna: “l’80% dei catalani vuole l’indipendenza”
Governo spagnolo fa causa alle autorità della Catalogna
Capo della Catalogna: fare di tutto per "la Repubblica"
Riprende il braccio di ferro tra Madrid e la Catalogna
Tags:
politica interna, Indipendenza, Autonomia, Quim Torra, Pedro Sanchez, Catalogna, Spagna
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik