Widgets Magazine
14:00 22 Luglio 2019
La bandiera siriana

Turchia costretta a temporeggiare operazione militare in Siria dopo ritiro truppe USA

© REUTERS / Omar Sanadiki
Politica
URL abbreviato
0 12

Secondo il presidente turco Erdogan, ha avuto colloqui nel merito con il presidente degli Stati Uniti Donald Trump.

La decisione degli Stati Uniti di ritirare le proprie truppe dalla Siria ha costretto la Turchia a prendersi un poì di tempo prima di effettuare una nuova operazione militare in questo Paese. Lo ha annunciato oggi ad Istanbul il presidente Recep Tayyip Erdogan. Il suo intervento è stato riportato dal canale televisivo NTV.

"I nostri colloqui con Trump e i contatti dei nostri dicasteri ci hanno costretto a temporeggiare con l'operazione", ha dichiarato il capo di Stato turco. Allo stesso tempo Erdogan ha sottolineato che "si tratta solo di un leggero ritardo dell'operazione".

Inoltre il presidente turco ha detto che Ankara "elaborerà un nuovo piano per la distruzione non solo delle forze di autodifesa curde, ma anche dei terroristi dell'ISIS".

Secondo Erdogan, la Turchia non ha rivendicazioni sui territori siriani. "Non rivendichiamo alcun territorio siriano, ma non faremo concessioni sulla nostra sicurezza nazionale, siamo determinati a resistere agli attacchi terroristici dalla Siria", ha affermato Erdogan.

Allo stesso tempo le formazioni curde siriane si sono rivolte alla Francia con la richiesta di sostegno diplomatico e militare a seguito della decisione del presidente degli Stati Uniti Donald Trump di ritirare le truppe americane dalla Siria, che finora hanno garantito per loro assistenza.

Lo ha segnalato France Presse con riferimento ad una dichiarazione del comando delle formazioni curde.

I curdi hanno inoltre messo in guardia che potrebbero "perdere il controllo della situazione" nei centri di reclusione dei fondamentalisti islamici stranieri.

Correlati:

Vladimir Putin parla del ritiro delle truppe americane dalla Siria (VIDEO)
Casa Bianca: ritiro delle truppe USA dalla Siria espone forze russe a “maggiori rischi”
UE chiede alla Turchia di rinunciare all'operazione militare in Siria contro i curdi
Erdogan insiste su operazione militare turca in Siria se curdi non si ritirano da Manbij
Putin d'accordo con Trump sulla vittoria contro l'ISIS in Siria
Tags:
Terrorismo, Difesa, Sicurezza, Geopolitica, Politica Internazionale, Curdi, crisi in Siria, ISIS, esercito USA, Coalizione USA anti ISIS, YPG, Donald Trump, Recep Erdogan, USA, Siria, Russia, Turchia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik