10:54 15 Novembre 2019
Bandiera Catalogna

Capo della Catalogna: “l’80% dei catalani vuole l’indipendenza”

© AP Photo / Francisco Seco
Politica
URL abbreviato
0 13
Seguici su

Il capo della generalitat catalana, Quim Torra, ha ricordato al primo ministro spagnolo Pedro Sanchez, con cui ha negoziato giovedì, che l'80% dei residenti della comunità autonoma sostiene il diritto all'autodeterminazione e sostiene la forma di governo repubblicana.

Giovedì si è svolto a Barcellona un incontro tra i capi di governo della Spagna e della Catalogna, a cui hanno partecipato anche alcuni membri di entrambi i governi. Secondo i suoi risultati, è stata adottata una dichiarazione in cui le parti hanno riconosciuto "l'esistenza di un conflitto sul futuro della Catalogna" e hanno concordato di condurre un dialogo per superare le controversie. Nuovi negoziati sono previsti per gennaio. Dopo l'incontro, Sanchez e Torra hanno presentato i premi per gli imprenditori e hanno preso parte a una cena ufficiale.

Parlando all'evento, Torra ha detto di aver proposto a Sanchez di concludere un "patto di stato" basato sul "grande consenso della società catalana". Secondo lui, "l'80% sostiene l'esercizio del diritto all'autodeterminazione in un referendum concordato, i cui risultati saranno vincolanti, l'80% contro la repressione politica, l'80% per la Catalogna repubblicana, senza la monarchia spagnola". La dichiarazione di Torra è stata pubblicata dal servizio stampa della Generalitat della Catalogna.

In precedenza, il ministro spagnolo della politica territoriale della Spagna, Meritxell Batet, ha dichiarato che la questione della possibilità di un nuovo referendum sull'indipendenza nei negoziati non è stata sollevata, la posizione di Madrid è rimasta invariata e che condurre un referendum è illegale.

Torra ha ringraziato Sanchez per il fatto per aver "voluto ascoltare il governo della Catalogna" e per essersi offerto di continuare i negoziati. Il primo ministro spagnolo alla cerimonia, che si è tenuta nell'hotel Sofia, ha chiesto il proseguimento del dialogo e ha affermato la necessità di una normale convivenza nella comunità di rappresentanti di diversi punti di vista.

"Tutti dobbiamo iniziare una nuova fase: il palcoscenico dovrebbe lasciare spazio all'armonia, al posto della polarizzazione della società, la coesione, anziché il gesticolare e ilrumore, al dialogo, al dialogo e al dialogo, e dopo il dialogo, un nuovo dialogo. Sono pronto", ha dichiarato Sanchez. Ha esortato all'autocritica. "Dobbiamo imparare dagli errori, dare priorità al benessere delle persone".

In connessione con la visita dei membri del governo spagnolo a Barcellona nella città si sono svolte le proteste. Gli attivisti del movimento radicale "Comitati per la difesa della Repubblica" hanno bloccato per un po 'di tempo la via Diagonal vicino all'Hotel Sofia, urlando la parola "indipendenza". Una riunione del Consiglio dei ministri della Spagna si terrà a Barcellona il venerdì (di solito si tiene il venerdì a Madrid), sono previste nuove proteste.

Correlati:

Governo spagnolo fa causa alle autorità della Catalogna
Capo della Catalogna: fare di tutto per "la Repubblica"
Esperto: Madrid non vuole che il caso del Kosovo venga applicato alla Catalogna
Riprende il braccio di ferro tra Madrid e la Catalogna
Tags:
Indipendenza, Indipendenza, Indipendenza della Catalogna, Catalogna
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik