17:18 20 Maggio 2019
Brexit

In caso di hard Brexit governo britannico metterà in stato di allerta l'esercito

© REUTERS / Neil Hall
Politica
URL abbreviato
0 73

Il governo britannico si sta preparando intensamente per un'uscita dall'Europa senza raggiungere l'accordo con Bruxelles, implementando tutti i piani di emergenza a disposizione, ha riferito il portavoce della premier.

Più di 3.500 soldati britannici saranno in stato d'allerta se il Regno Unito lascerà la UE senza un accordo, ha riferito il ministro della Difesa britannico Gavin Williamson.

In precedenza il rappresentante ufficiale del primo ministro britannico ha detto ai giornalisti che il governo ha intensificato i preparativi per la hard Brexit. Suscita preoccupazione la velocità del processo di discussione e voto del documento da parte del Parlamento. Inizialmente il voto sulla bozza dell'accordo nel Parlamento britannico era previsto per la sera dell'11 dicembre. Tuttavia, dopo tre giorni di dibattiti, la premier Theresa May ha riconosciuto che l'accordo nella sua forma attuale non avrebbe ottenuto la maggioranza assoluta, optando così per il rinvio del voto a metà gennaio.

"Finora non abbiamo ricevuto richieste di assistenza da parte dei ministeri, ma stiamo preparando piani di emergenza e mobiliteremo 3.500 militari, sia forze regolari che riservisti, per sostenere qualsiasi dicastero in qualsiasi situazione", ha detto Williamson, rispondendo all'interrogazione parlamentare se il suo ministero sia pronto nel caso di possibile hard Brexit senza un accordo con Bruxelles".

Correlati:

Le Monde: a cento giorni dalla Brexit la May è in un vicolo cieco
Times: alleati della May preparano secondo referendum sulla Brexit
Ambasciata russa accusa Londra di usare caso Skripal per distrarre cittadini da Brexit
Times: la maggioranza dei ministri britannici ritiene moribondo l'accordo sulla Brexit
Tags:
Sicurezza, politica interna, Politica Internazionale, Brexit, Unione Europea, Gavin Williamson, UE, Gran Bretagna
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik