07:59 22 Aprile 2019
Staffan de Mistura

De Mistura: “non ho visto un singolo conflitto più violento che in Siria”

© REUTERS / Denis Balibouse
Politica
URL abbreviato
407

L'inviato speciale del Segretario generale delle Nazioni Unite per la Siria, Staffan de Mistura, in un intervento domenica alla sessione del comitato del Forum di Doha, ha definito la guerra in Siria il più violento dei 22 conflitti che ha visto; ha osservato inoltre che ritiene necessario cercare di fare giustizia sui colpevoli delle violenze.

"Ho lavorato per 47 anni nelle strutture delle Nazioni Unite e ho osservato 22 conflitti, quindi posso analizzare il conflitto siriano da una prospettiva storica e posso dire che non ho visto un singolo conflitto più violento che in Siria, con l'uso dei metodi più terribili".

"La giustizia internazionale non può essere attuata immediatamente, ma è necessario preservare il desiderio di giustizia. Nè oggi e né domani sarà possibile assicurare i responsabili delle violenze in Siria alla giustizia, ma sicuramente per il conflitto siriano è necessario mantenere la speranza", ha sottolineato.

Il Qatar ha organizzato una conferenza internazionale globale di due giorni, il Forum di Doha, in cui sono stati invitati rappresentanti di alto livello dell'ONU, altre organizzazioni internazionali e governi di diversi paesi.

Il conflitto armato in Siria è in corso dal 2011. Alla fine del 2017, è stata annunciata la vittoria sul gruppo terroristico dello Stato Islamico in Siria e Iraq. In alcune aree della Siria continua la guerra per la liberazione dai militanti. Al momento in Siria sono in corso una formazione dell'assetto politico, la ricostruzione delle città e il ritorno dei rifugiati.

Correlati:

De Mistura chiede più tempo per i negoziati su Idlib
Onu, missione in Siria dell'inviato speciale De Mistura
Siria, consigliere de Mistura: commissione costituzionale entro fine 2018
Tags:
guerra, Crisi in Siria, Conflitto in Siria, Siria, Bombardamenti in Siria, ONU, Staffan de Mistura, Doha, Siria
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik