Widgets Magazine
22:16 22 Agosto 2019
Bandiera UE

Giornalista tedesco: UE ha perso ha perso la sua occasione ed entra nel 2019 esausta

© AFP 2019 / JOHN MACDOUGALL
Politica
URL abbreviato
281

A parte la Brexit, l'UE non è più in grado di far fronte a un'unica posizione comune, e entrerà nel nuovo anno esausta, ritiene il corrispondente Malte Pieper del canale televisivo tedesco MDR.

L'Europa ha perso l'occasione di riformarsi e migliorarsi, ritiene il corrispondente di MDR Malte Pieper. Nel commento al canale televisivo tedesco Das Erste, ha affermato che l'UE non è più in grado di far fronte a una posizione comune su qualsiasi questione, ad eccezione della Brexit. L'Europa entra nel 2019 esausta, perché la coesione dell'UE si manifesta solo di fronte alle minacce e scompare quando non ce ne sono.

In un commento sul sito web di Das Erste, il giornalista parla del recente vertice UE e delle prospettive per l'Europa. L'incontro dei capi di governo e degli stati, a suo avviso, simboleggiava pienamente lo stato attuale della leadership europea: punti di vista ambigui, facce buie, cenni col capo e confusione senza scopo.

Durante i negoziati sull'uscita della Gran Bretagna dall'UE, c'è stata unità: tutti i 27 paesi si comportavano come un tutt'uno, e non si sono fatti ingannare da nessuna finta o manovra degli inglesi. I 27 paesi dell'UE sono rimasti insieme e alla fine ci sono riusciti, osserva Malta Piper. Ciò conferma l'accordo sul ritiro della Gran Bretagna dall'UE, la separazione dall'Unione europea si è rivelata estremamente dolorosa. Secondo il giornalista, questa è una buona lezione per la Francia, la Polonia e i Paesi Bassi, che ci avevano già pensato.

Qualcosa nel 2018 è stato raggiunto in materia di difesa, ammette il giornalista tedesco. È iniziata una lenta e costosa formazione di strutture parallele, nonché investimenti in tecnologia. Anche in relazione alla Russia l'UE è unita.

Come spiega l'autore, quando c'è una minaccia, tutti agiscono all'unisono. Ma quando non c'è nessuna minaccia, o quando questa viene improvvisamente a mancare, la coesione lascia rapidamente il posto ad un grande vuoto, afferma Pieper. L'esempio più vivido di questo è il problema della migrazione. Il nord è opposto a sud, l'ovest è a est. La lotta dura da tre anni e nel 2018 è stato possibile muoversi solo a piccoli passi, semplicemente perché la minaccia non è più avvertita, spiega il giornalista. Il numero di migranti è diminuito in modo significativo, quindi perché sforzi eccessivi? Invece, puoi fare affermazioni rumorose e costruire castelli nell'aria, scrive l'autore.

E se qualcuno osa guardare avanti e pensare al futuro, viene semplicemente "lasciato con una mano tesa in avanti". È così che l'UE ha agito per tutto il 2018, afferma Malta Piper. Non si può dire che le proposte di Emmanuel Macron sulla riforma delle istituzioni dell'UE, la nuova formazione della zona euro o la lotta contro le corporazioni che evadono le tasse, come Amazon e altri, non abbiano avuto alcuna reazione. Tuttavia, è irresponsabile non provare nemmeno a cogliere le iniziative di Parigi, ritiene il corrispondente MDR.

Dal suo punto di vista, specialmente a questo riguardo, Angela Merkel, che quasi paralizzò completamente il tandem franco-tedesco per la sua mancanza di principi, si è distinta. Ma altri si sono comportati allo stesso modo. Il primo ministro dei Paesi Bassi tace. Anche Juncker, che di solito assume il ruolo di intermediario, tace. I paesi mediterranei sono occupati, prima di tutto, da loro stessi e dalle loro economie. Gli europei dell'Est dopo 40 anni di comunismo stanno ancora cercando di trovare se stessi, elenca l'autore.

Secondo lui, non c'è più nessuno in grado di spingere il carro impantanato dell'UE. L'ultimo tentativo è stato quello del presidente francese Macron, che ora è costretto a lasciare la scena europea e riprendere le proprie politiche interne per salvare ciò che è rimasto del suo paese in preda alle proteste, prima che il potere venga preso da Marine Le Pen, o dal radicale di sinistra Melenchon.

"In altre parole, la finestra temporale per le grandi riforme si è chiusa di colpo. Tuttavia, in realtà, non è successo nulla. La possibilità è andata persa", riassume il giornalista tedesco. Come conseguenza, ritiene che ci siano "prospettive cupe per l'UE nel 2019". L'Europa e i suoi leader hanno mantenuto lo stato attuale delle cose, ma non di più, dichiara l'autore.

Correlati:

USA promettono di continuare a lottare con l'UE contro l'aggressione russa
Mario Draghi: “Serve piena aderenza alle regole Ue”
Paesi della UE potranno comprarsi il diritto di non accogliere i migranti?
Tags:
Politica, politica, Politica UE, UE, Europa
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik