08:49 04 Luglio 2020
Politica
URL abbreviato
1120
Seguici su

La Russia considera le proteste in Francia come affari interni di questo paese, e né interferisce né interviene negli affari di altri stati, le accuse di coinvolgimento della Russia nelle proteste in Francia sono diffamatorie, ha dichiarato il segretario alla stampa presidenziale russo Dmitry Peskov.

"Voglio dire che la Russia considera tutto ciò che sta accadendo solo come una questione interna della Francia. Non abbiamo interferito e non interferiremo negli affari interni di nessun paese, inclusa la Francia" ha dichiarato Peskov ai giornalisti.

Konstantin Kosachev
© Sputnik . The Press-service of the Federation Council of the Russian Federation
Domenica il ministro degli esteri francese, Jean-Yves Le Drian, ha dichiarato che il Segretariato generale per la difesa e la sicurezza nazionale (SGDSN) sta indagando sul presunto coinvolgimento della Russia nelle proteste dei gilet gialli.        

In precedenza, il quotidiano britannico The Times ha riferito che centinaia di account Twitter, potenzialmente collegati alla Russia, sono stati usati per condividere più di 1500 messaggi al giorno per "aumentare la portata delle proteste di piazza" in Francia. Tali messaggi sono veicolo di disinformazione, osserva la pubblicazione, in quanto hanno diffuso immagini di manifestanti feriti in altre proteste, per amplificare la percezione della violenza usata dalla polizia francese.

Le proteste su larga scala gilet gialli, contro l'aumento dei prezzi della benzina, sono iniziate in Francia il 17 novembre.

La Russia ha ripetutamente negato le accuse di interferire, o tentare di influenzare, gli affari interni degli altri stati.    

Correlati:

Senatore russo commenta indagini in Francia su interferenza russa nelle proteste
Francia, si indaga sul presunto coinvolgimento della Russia nelle proteste
Oltre 1700 persone sono state fermate a Parigi durante le proteste
Tags:
Proteste, Proteste, Proteste, Dmitry Peskov, Francia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook