07:28 19 Dicembre 2018
Ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov

A Milano capo diplomazia russa accusa: Occidente perdona tutte le buffonate di Kiev

© Sputnik . Vitaly Belousov
Politica
URL abbreviato
2293

I protettori occidentali perdonano tutte le buffonate del regime di Kiev, il discorso vale anche per la recente provocazione delle forze navali ucraine nel Mar Nero, ha affermato il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov a Milano in occasione di una riunione ministeriale dell'OSCE.

"È sorprendente che il regime di Kiev goda della totale impunità dei suoi mecenati occidentali, che perdonano o addirittura giustificano tutte le sue buffonate. Vale pienamente per la recente provocazione organizzata dalla Marina Militare ucraina nel Mar Nero e per la mobilitazione attiva delle forze armate ucraine a ridosso della linea di contatto nel Donbass", — ha rilevato Lavrov.

Tre navi della Marina ucraina, Berdyansk, Nikopol e Yany Kapu, il 25 novembre hanno sconfinato nelle acque territoriali della Russia dirigendosi verso lo Stretto di Kerch che separa il Mar Nero e il Mare d'Azov senza notificare nulla alle autorità russe come previsto dagli accordi bilaterali. Le navi ucraine hanno effettuato manovre pericolose, non si sono sottomesse alle legittime richieste delle guardie di frontiera russe. In seguito le nave sono state fermate ed i 24 marinai sono stati arrestati. Dopo l'incidente sono stati processati per aver attraversamento illegale del confine.

Come affermato dal presidente russo Vladimir Putin l'incidente nello stretto di Kerch è stata una provocazione.

Correlati:

L'Ucraina ha testato missile da crociera di fabbricazione nazionale
L'Ucraina limita l'ingresso agli uomini russi tra i 16 e i 60 anni
Cosa può comportare la nuova crisi russo-ucraina
Kiev chiede di schierare base militare statunitense in Ucraina
FSB: lo scopo della provocazione della Marina ucraina
Putin sull'incidente nel Mar Nero: una provocazione del presidente ucraino Poroshenko
Tags:
Occidente, Diplomazia Internazionale, Politica Internazionale, OSCE, Sergej Lavrov, Donbass, Mare d'Azov, Mar Nero, Ucraina, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik