00:11 19 Novembre 2018
Bandiera del Montenegro

Oppositori montenegrini chiedono aiuto a Putin e Macron

CC0
Politica
URL abbreviato
0 81

Mandic e Knezevic, militanti della principale forza d'opposizione in Montenegro, il Fronte Democratico, hanno denunciato inchieste e procedimenti giudiziari in patria a loro carico che secondo loro hanno una motivazione politica.

I deputati del parlamento montenegrino e rappresentanti dell'opposizione Andrija Mandic e Milan Knezevic hanno pubblicato una lettera aperta indirizzata ai presidenti di Russia e Francia, Vladimir Putin ed Emmanuel Macron, nonché a diversi altri politici europei di primo piano per lamentarsi delle azioni delle autorità nazionali che hanno limitato la loro libertà di circolazione.

Mandic e Knezevic, militanti della principale forza d'opposizione in Montenegro, il Fronte Democratico, hanno denunciato inchieste e procedimenti giudiziari in patria a loro carico che secondo loro hanno una motivazione politica. Ai due oppositori sono inoltre stati ritirati i passaporti diplomatici.

"Siamo convinti che in Europa oggi non ci sia una forza politica così perseguitata, i cui leader subiscono diversi processi ed i militanti vengono messi in custodia cautelare in costante violazione dei diritti umani fondamentali", si afferma nella lettera.

Oltre a Putin e Macron, il messaggio è rivolto al presidente serbo Alexander Vucic, al presidente dell'Assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa Lilian Mori Pasquier, al presidente dell'Europarlamento Antonio Tajani e al presidente dell'Assemblea parlamentare dell'OSCE George Tsereteli.

Gli oppositori montenegrini hanno motivato la scelta dei destinatari in base al fatto che in questi Paesi e organizzazioni hanno avuto gli ultimi incontri di lavoro dal 27 luglio al 30 ottobre 2018. Prima e dopo questo intervallo di tempo non potevano recarsi all'estero in quanto erano stati sequestrati dalle autorità i loro passaporti.

Tags:
Politica Internazionale, Giustizia, Opposizione, OSCE, Emmanuel Macron, Vladimir Putin, Montenegro, Balcani, Francia, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik