23:43 18 Novembre 2018
La bandiera della Serbia

L'Occidente chiede alla Serbia di ridurre l'attività diplomatica

© Sputnik . Evgeniya Novozhenina
Politica
URL abbreviato
8218

L'Occidente chiede alla Serbia di rinunciare ai suoi sforzi diplomatici per combattere il riconoscimento dell'indipendenza del Kosovo, ha affermato il ministro degli Esteri Ivica Dacic.

"La parte albanese si lamenta di me con i rappresentanti occidentali e l'Occidente chiede di fermarci, perché infastidisce gli albanesi e sembra danneggiare il dialogo, mentre fare pressione per ottenere nuovi riconoscimenti per l'indipendenza e per entrare nelle organizzazioni internazionali è normale", ha detto Dacic ad un giornale di Belgrado.

In precedenza Dacic aveva riferito che Grenada (Caraibi) era diventata il nono Stato che aveva recentemente ritirato il riconoscimento dell'indipendenza dell'autoproclamata Repubblica del Kosovo. In precedenza aveva preso la stessa decisione Dominica (Caraibi).

Il numero esatto di Paesi che hanno riconosciuto l'autoproclamata Repubblica del Kosovo non è noto, poiché i dati delle fonti ufficiali differiscono ed i leader dei singoli Stati rilasciano affermazioni contraddittorie a seconda del periodo. Secondo un giornale serbo, al momento il numero di tali Stati è diminuito a 102. Allo stesso tempo le autorità del Kosovo dichiarano che godono del sostegno di 110 Paesi.

La repubblica autoproclamata del Kosovo non è riconosciuta da Serbia, Russia, Cina, Israele, Iran, Spagna, Grecia e diversi altri Stati.

Correlati:

Presidente Serbia: “forze armate del Kosovo possono destabilizzare l'intera regione
Gli USA vogliono l’istituzione dell’esercito del Kosovo
L’esercito come ultima speranza, “il Kosovo teme l’opposizione interna”
"L'Occidente non può convincere la Serbia a riconoscere il Kosovo"
Tags:
Politica Internazionale, Indipendenza, Occidente, Ivica Dačić, Balcani, Albania, Kosovo, Serbia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik