07:22 14 Novembre 2018
Iran

“Imponendo nuove sanzioni contro l'Iran gli USA rischiano l'isolamento”

© AP Photo / Ronald Zak
Politica
URL abbreviato
8141

Tramite le nuove sanzioni, gli Stati Uniti intendono isolare l'Iran, ma allo stesso tempo l'America potrebbe ritrovarsi in un isolamento ancora maggiore, ritiene l'editorialista del portale Consortiumnews.com Patrick Lawrence.

Secondo l'esperto, sta gradualmente prendendo piede il declino nell'influenza del dollaro nell'economia globale e l'unione di potenze in crescita come Cina, Russia, India e Iran in un'alleanza anti-occidentale diventa una realtà possibile.

Questa volta le sanzioni statunitensi contro Teheran andranno a colpire l'export petrolifero e dei prodotti petrolchimici dell'Iran. Inoltre il Paese asiatico potrebbe essere escluso dal sistema interbancario globale SWIFT.

"È difficile dire quale di queste sanzioni sia più dura", afferma Lawrence. L'export petrolifero iraniano è già iniziato a diminuire. Ad agosto gli Stati Uniti hanno vietato all'Iran di acquistare aerei e pezzi per veicoli statunitensi e stranieri. Da allora la valuta iraniana, il rial, è crollato al minimo storico e l'inflazione è salita al di sopra del 30%.

"La questione chiave è ciò che gli alleati dell'America in Europa faranno", sottolinea Patrick Lawrence.

Se gli Stati Uniti incontreranno un'opposizione significativa, specialmente tra i suoi alleati, potrebbe essere una "svolta rispetto al dominio degli Stati Uniti" nell'era postbellica.

Correlati:

Diplomazia siriana commenta le sanzioni americane contro l'Iran
Sanzioni Iran, ministero esteri russo: la politica USA va rivista
Casa Bianca non si aspetta deficit petrolifero a causa di sanzioni anti-Iran
Presidente Rouhani sulle nuove sanzioni americane: "l'Iran non ha paura"
Mosca propone piano per reagire alle sanzioni unilaterali USA contro l'Iran
Europa: commercio con l'Iran aggirando le sanzioni USA?
Tags:
Sanzioni, Petrolio, Geopolitica, Politica Internazionale, Economia, Occidente, Unione Europea, Iran, UE, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik