00:13 19 Novembre 2018
Alexander Hug, missione OSCE nel Donbass

Ex membro OSCE in Ucraina indica condizione per porre fine a sofferenze nel Donbass

© Sputnik . Igor Maslov
Politica
URL abbreviato
230

Gli abitanti del Donbass non soffriranno più se le parti coinvolte negli accordi di Minsk reagiranno ai rapporti della missione speciale di monitoraggio dell'OSCE e inizieranno a mantenere le promesse, ha affermato l'ex vice capo della missione OSCE Alexander Hug in un'intervista sul canale NewsOne.

Si è lamentato del fatto che l'Ucraina e le repubbliche filorusse non riconosciute di Donetsk e Lugansk si puntano il dito a vicenda e si accusano di non rispettare gli accordi di Minsk. Secondo Hug, questo approccio non funziona nella risoluzione del conflitto interno ucraino.

"Per fermare la violenza lungo la linea di contatto, occorre trovare una soluzione al problema. Ogni giorno rileviamo violazioni <…> Se quelli che hanno firmato gli accordi reagissero ai nostri rapporti, se mantenessero le loro promesse, la situazione migliorerebbe e la gente non soffrirebbe per questa costante follia", ha detto l'ex vice capo della missione OSCE.

Il conflitto nel sud-est dell'Ucraina dura quasi quattro anni e mezzo. La questione della normalizzazione è discussa dai gruppi di contatto a Minsk. Sono stati adottati tre documenti che regolano la de-escalation, tuttavia si registrano ancora combattimenti. Secondo l'ONU, più di 10mila persone hanno perso la vita nel conflitto.

Correlati:

USA dicono no a referendum nel Donbass
Nazionalista ucraino indica le condizioni per l'offensiva nel Donbass e Crimea
Film ucraino su guerra in Donbass fallisce al botteghino
Bielorussia disposta a contribuire nella risoluzione del conflitto nel Donbass
Tags:
accordi di Minsk, OSCE, Alexander Hug, Repubblica Popolare di Lugansk, Repubblica popolare di Donetsk, Donbass, Ucraina
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik