06:59 15 Novembre 2018
Il primo ministro russo Dmitry Medvedev

Premier Medvedev: la Russia rispetta Donald Trump

© Sputnik . Aleksandr Astaphiev
Politica
URL abbreviato
317

La Russia rispetta il presidente degli Stati Uniti Donald Trump, capisce che ora "è attaccato da destra e sinistra" e per questa pressione non è riuscito a migliorare radicalmente le relazioni con Mosca ed è improbabile che sia in grado di farlo in futuro, ha affermato il premier russo Dmitry Medvedev in un'intervista con Euronews.

Nell'intervista, la cui versione completa sarà pubblicata giovedì 18 ottobre, al capo del governo russo è stato chiesto: "Donald Trump è la cosa migliore che è capitata alla Russia ultimamente?" Rispondendo il primo ministro ha dichiarato: "Non abbiamo votato Donald Trump".

"Donald Trump è il presidente degli Stati Uniti d'America, rispettiamo la scelta del popolo americano: se ci fosse un altro presidente al posto di Trump, non avremmo meno rispetto per lui", ha assicurato Medvedev.

Ha inoltre richiamato l'attenzione sulla pressione che subisce l'inquilino della Casa Bianca nel suo Paese.

"Per quello che capiamo, al momento per Donald Trump non è molto semplice, perché è attaccato da destra e sinistra, da una parte è sospettato di una sorta di simpatia per il nostro Paese, anche se non ha fatto ancora nulla per il miglioramento delle relazioni tra i nostri Paesi. E' improbabile che sia in grado di farlo, proprio per la pressione contro di lui. D'altra parte subisce pressione in altri ambiti", ha aggiunto il primo ministro russo.

Correlati:

Trump dichiara perché la Cina è più pericolosa della Russia
Trump ha dichiarato che la Russia non esiste
Trump si lamenta delle critiche per essere troppo morbido con la Russia
Trump consiglia ai critici della Russia di prestare attenzione alla Cina
Trump indica le condizioni per la revoca delle sanzioni alla Russia
Tags:
Diplomazia Internazionale, Politica Internazionale, Russiagate, Dmitry Medvedev, Donald Trump, Russia, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik