07:03 15 Novembre 2018
Angela Merkel ed Horst Seehofer

Le elezioni in Baviera sono andate male a centristi e socialdemocratici: perchè?

© AP Photo / Markus Schreiber
Politica
URL abbreviato
370

Dopo le elezioni in Baviera, sono apparse diverse teorie per spiegare il crollo della Csu e della Spd. Il politologo Werner Patzelt è convinto che questo risultato sia legato con l'attuale posizione sull'immigrazione.

Lo stesso vale per i risultati mostrati dai Verdi e dai populisti di AfD. Patzelt raccomanda, soprattutto alla Spd, di fare una scelta a favore di una determinata strategia.

Signor Patzelt, la Csu ha perso più del 10% dei voti. Cosa significa per la politica della coalizione di governo a Berlino? Ci saranno conseguenze?

— Esistono due diverse spiegazioni per i risultati delle elezioni e, di conseguenza, due diverse valutazioni. Una spiegazione è che la Csu, per la sua vecchia posizione inflessibile sulla politica migratoria, ha rafforzato AfD. Poi la conclusione logica è che la Csu sostiene pienamente la politica migratoria della cancelliera Angela Merkel ed Horst Seehofer dovrebbe lasciare l'incarico di ministro degli Interni.

Un'altra spiegazione è che la Csu abbia perso proprio perché molti in Baviera hanno perso la speranza che il partito possa mantenere la Cdu su una linea "ragionevole". Questa volta la Csu non ce l'ha fatta ad indirizzare la campagna elettorale così, le elezioni si sono svolte "contro la Merkel". Questo ha rafforzato la posizione di AfD. Pertanto per la Csu sarebbe corretto orientarsi verso una politica di migrazione e integrazione equilibrata, togliendo la sedia ad Angela Merkel.

Dal momento che entrambe le interpretazioni, entrambe le spiegazioni, si contraddicono a vicenda, non è affatto chiaro cosa ne uscirà.

Crede nelle dimissioni di Horst Seehofer? La Csu cercherà il colpevole?

— Dal momento che Horst Seehofer non capisce cosa abbia fatto di sbagliato, crede che il suo stesso partito lo abbia mandato sul campo di battaglia e poi lo abbia lasciato nei guai, non ha motivo di ritirarsi. È stato eletto presidente del partito fino al prossimo autunno. A mio avviso, non permetterà al suo partito di considerarlo come capro espiatorio.

Diamo un'occhiata ad un altro sconfitto delle elezioni, l'Spd. Il partito ha mostrato un risultato peggiore più del doppio rispetto alle elezioni regionali del 2013. Non si vedono novità nell'Spd. Cosa succede ai socialdemocratici?

— I condannati a morte vivono più a lungo. Sebbene l'Spd stia attraversando una fase molto difficile, non vale la pena non considerlo più. Il fatto è che l'Spd su una questione politica ha scelto una strada sbagliata, vale a dire nel campo della politica di migrazione e integrazione. Su questo tema, l'Spd ha assunto una posizione che non è sostenuta da diversi suoi militanti ed elettori. In questo contesto, altre questioni, politica sociale, politica sanitaria, non emergono in modo efficace.

Inoltre l'SPD si imbatte in una concorrenza significativa dai Verdi non solo in Baviera, ma, secondo i sondaggi in tutto il Paese. Come lo spiega?

— I Verdi sono il partito che riscuote chiaramente la maggior simpatia tra i giornalisti tedeschi. Pertanto la copertura mediatica della politica dei Verdi è in generale in chiave positiva. Inoltre i Verdi in Baviera, così come i Verdi in Assia, e prima i Verdi nel Baden-Württemberg, non scommettono sul radicalismo. Scommettono sul realismo. I Verdi si presentano bene in Baviera, si concentrano su argomenti come la patria, l'amore per la patria e una bella Baviera rispettosa dell'ambiente in un'Europa amica. Questi sono gli argomenti che generano consenso.

I Verdi sono un partito sostenuto da persone con alta istruzione. Questo è quello che mostrano i risultati delle elezioni. Nelle città hanno ottenuto buoni risultati ovunque nelle città, la Csu nelle aree rurali. Dal contesto socio-politico, si può capire che i Verdi rappresentano quegli strati di popolazione che non sono affatto minacciati dalle conseguenze negative dell'immigrazione. Si tratta di residenti istruiti che vivono in splendide aree urbane e possono permettersi la crescita dei prezzi immobiliari.

La copertura mediatica della politica di AfD in modo positivo è piuttosto una rarità. Ora in Baviera, il partito ha ricevuto oltre il 10% dei voti. Ma è meno di quello che il partito aveva ricevuto alle elezioni del Bundestag in Baviera. Dove sta andando AfD?

— AfD ha affrontato le elezioni regionali con avversari, che non c'erano nelle elezioni del Bundestag, ovverso con candidati indipendenti. AfD è l'unico partito che persegue una politica di migrazione opposta radicalmente alla Cdu, ai Verdi e all'Spd, cosa per cui molti le hanno dato fiducia. Inoltre AfD è un partito con una posizione chiara su Angela Merkel. Coloro che vogliono vedere un altro cancelliere o un altro leader della Cdu in Germania votano AfD. Dietro AfD c'è un crescente populismo di destra tedesco, che è stato sottovalutato per lungo tempo.

Si pensava che quando il populismo di destra appariva in Germania dietro Pegida, si trattava semplicemente di razzisti o fascisti che potevano essere facilmente tenuti sotto controllo tramite le solite limitazioni. Ma non è così. Il populismo di destra ha molti sostenitori. Persino in Baviera dove la Csu per lungo tempo ha combattuto il populismo di destra, rappresentava indipendentemente le posizioni ragionevoli del populismo di destra. Tutto questo spiega l'ascesa di AfD. Probabilmente in Assia e nelle prossime elezioni regionali in Germania orientale continuerà.

Correlati:

Avanza la destra euroscettica in Germania
Sondaggio della Bild: destra populista di AfD primo partito in Germania orientale
Tags:
Società, politica interna, Immigrazione, Alternativa per la Germania, Angela Merkel, Horst Seehofer, Baviera, Germania
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik