14:06 18 Novembre 2018
Contadino in Sudafrica

Attivista per diritti Afrikaner: nazionalizzazione terre in Sudafrica sarebbe disastro

© AP Photo / Schalk van Zuydam
Politica
URL abbreviato
221

La riforma agraria del Sud Africa portata avanti dal governo di Cyril Ramaphosa ha causato molte polemiche sia in Sudafrica che all'estero. I critici della riforma affermano che l'esproprio della terra può portare la nazione ancora più problemi se entrereanno in gioco i problemi tribali.

Sputnik ha discusso gli ultimi sviluppi della questione con Ruben Rosiers, rappresentante della città culturale Afrikaner di Kleinfontein nell'UE.

Sputnik: cosa è cambiato in Sudafrica dopo che il Congresso Nazionale Africano ha presentato la proposta di "espropriazione della terra senza compensazione (land expropriation without compensation)", quali sono gli sviluppi più recenti?

Ruben Rosiers: Beh, tecnicamente il voto non è ancora diventato legge. Abbiamo visto che il presidente Cyril Ramaphosa è andato negli Stati Uniti e che ha mentito. Ha detto che non ci sono stati accaparramenti della terra. Questa è una bugia, possiamo provarlo. Ci sono migliaia di video come prova che nel paese ci sono stati accaparramenti della terra. Molti gruppi radicali chiedono alle persone di occupare la terra, quindi questa è una bugia. E ha anche mentito perché ha detto che non ci sono stati omicidi nelle fattorie, mentre il suo Ministro della Polizia ha detto che dovrebbe esserci un piano contro il crimine nelle zone rurali, quindi sta mentendo. Lui è cambiato, deve mentire così tanto, perché sa, naturalmente, che le persone stanno dicendo la verità.

Ruben Rosiers: Un altra cosa che è cambiata, chiaramente, è l'economia, perché quest'ultima è stata severamente danneggiata. Ora vendere la propria casa è diventato impossibile, perché il mercato è crollato e perché ha perso molto valore. Quando mi sono recato li un anno fa 1 euro valeva 14 rand, adesso ne vale 17. Dunque, il messaggio è chiaro: sta peggiorando sempre di più. Le elezioni si avvicinano, le persone stanno diventando nervose, i mercati stanno diventando nervosi, e l'ANC e l'EFF più foti, si sparerebbero su un piede in ogni maniera possibile.

Sputnik: vediamo che nel quadro della situazione stanno acquisendo sempre più importanza gli aspetti tribali. Il re degli Zulu Goodwill Zwelithini ha chiesto una garanzia scritta dal governo di Cyril Ramaphosa che gli Zulu non verranno interessati dalla riforma agraria. Cosa significa per il paese?

Ruben Rosiers: Beh, prima di tutto, è divertente che le persone si concentrino in generale sulla terra di proprietà degli afrikaner e sui villaggi afrikaner. Se contate Orania e Kleinfontein, parliamo di poche migliaia di persone, mentre il Re Zulu ha migliaia di volte più terra di sua proprietà. Ciò che è molto importante è che tutte le tribù locali collaborino, perché dobbiamo evitare che la terra sia nazionalizzata. Questo sarebbe il più grande disastro. Lo Zimbabwe diventerebbe un paradiso rispetto al Sudafrica. E in secondo luogo, dovremmo evitare che l'ANC rubi la terra per darla alla sua stessa leadership corrotta o ai suoi "amici". Ciò che è anche importante è questo accordo tra Afriforum e il Re Zulu, sarebbe un esempio per tutte le altre tribù, che si uniranno e lasceranno il passato alle spalle.

Ruben Rosiers: Possiamo parlare dei conflitti in passato, ma il conflitto più grande è ora e non è tra le tribù o i gruppi stessi. La più grande battaglia ora è tra le persone che vorrebbero costruire un Sudafrica migliore e le persone che vogliono mantenere lo status quo, che vogliono distruggere il paese, che vogliono dare tutti i soldi alla loro cerchia ristretta, che vogliono rubare tutto da un paese molto ricco qual é il Sudafrica. Ha la possibilità di nutrire tutta la sua gente. Ha la possibilità di essere un paradiso sulla terra, cosa che non accadrà se si distrugge l'economia con una "espropriazione senza compenso", che abbiamo visto in ogni paese del mondo. Non si può dire che il Venezuela o la Corea del Nord siano i posti migliori dove investire, e vediamo che in Sud Africa avverrebbe lo stesso. Le persone si innervosiscono a causa delle elezioni. Il EFF grazie all'ANC si sta rafforzando. Credo che ci sia un po 'di silenzio prima della tempesta, ma vedremo.

Sputnik: non sembra che la comunità internazionale stia reagendo politicamente in qualche maniera, perché i leader del Sudafrica stanno visitando vari meeting internazionali, ospitano grandi meeting internazionali e il problema dell'accaparamento della terra non viene mai stato sollevato. I leader dell'UE e del Belgio si sono interessati al problema in qualche maniera?

Ruben Rosiers: Per la vergogna dei loro paesi stanno prestando attenzione, ma in modo molto "subdolo". Il nostro Ministro degli Esteri è andato in Sudafrica dando una bella immagine per i media come se fosse lì per sostenere i diritti delle donne ecc., il che ovviamente è molto importante, ma ha paura di parlare di ciò che pensa davvero. Ovviamente, ha paura che il Sudafrica spinga fuori l'UE, perché, naturalmente, "l'Oriente" è pronto. L'Oriente è già molto più forte in quei paesi rispetto all'UE, perché non si preoccupano dei diritti umani, o non fanno domande su questo, come vediamo ora nei Balcani. La Cina non spingerà il Sudafrica a organizzare un gay pride mentre l'UE è sempre pronta a lamentarsi di queste cose. Vediamo che il Ministro degli Esteri belga non menzionando nemmeno l'argomento, non sta proteggendo i diritti di molti cittadini belgi, e in generale dei cittadini dell'UE in Sud Africa. Inoltre non ha reagito quando i belgi, gli olandesi o altri sono stati uccisi, quando sono stati minacciati, quando poteva esserci un "espropriazione senza compenso".

Correlati:

Impressionante razzismo inverso in Sudafrica: di cosa vivono i boeri di Kleinfontein
Riprende cooperazione Russia-Sudafrica su sviluppo nucleare
Ambasciatore Sudafrica smentisce notizia su interferenza russa negli affari nazionali
Sudafrica, manifestazioni e disordini a Pretoria al grido "via gli stranieri"
Tags:
Politica, Agricoltura, Terra, politica interna, pericolo, agricoltura, territorio, terreno, agricoltura, Sputnik, UE, Cyril Ramaphosa, Sudafrica
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik