16:30 20 Ottobre 2018
bandiera della Russia e dell'Italia

Diplomazia italiana ad incontro a porte-chiuse chiede ammorbidimento sanzioni anti-russe

© Foto : minsvyaz.ru
Politica
URL abbreviato
1138

Nessun governo europeo ha sostenuto la richiesta italiana durante l’incontro di diplomatici. L’Italia ha chiesto ai leader europei di discutere un ammorbidimento delle sanzioni contro la Russia in un incontro a porte chiuse di diplomatici all'inizio di questo mese, risulta da due rapporti scritti dell’incontro ottenuti da BuzzFeed News.

All'incontro degli ambasciatori dell'UE, svoltosi a Bruxelles il 12 settembre, l'inviato italiano ha chiesto alle controparti di includere nella discussione come punto all'ordine del giorno la questione delle banche europee che concedono prestiti alla Russia alla prossima riunione del Consiglio europeo dei capi di governo e di stato dell'UE, che si svolgerà il mese prossimo nella capitale belga.

La richiesta italiana solleverà ulteriori dubbi e domande sui rapporti del governo con Mosca. I diplomatici hanno già detto a BuzzFeed News che non riescono a capire perché il nuovo governo italiano dia tale priorità alla questione.

"Il governo italiano sembra ansioso di abbandonare il mainstream europeo e sottolineare costantemente le differenze. Un'Italia che cerca guai è, invece, l'esatto opposto dei nostri interessi nazionali", ha affermato Filippo Sensi, ex portavoce dei due ex-primi ministri italiani, Matteo Renzi e Paolo Gentiloni.

Matteo Salvini, Ministro degli Interni italiano e vice primo ministro, che da anni ha condotto una campagna anti-sanzioni, ha ripetutamente chiesto di annullarle da quando è entrato in carica all'inizio di quest'anno. Ha anche affermato che l'annessione della Crimea era legittima e ha apertamente criticato la risposta coordinata dell'UE all'affare di Salisbury che ha lasciato un doppio agente russo e sua figlia in condizioni critiche.

Alla riunione il diplomatico italiano ha osservato l'importanza di sbloccare i finanziamenti da parte della Banca Europea per la ricostruzione e lo sviluppo, nonché della Banca d'Investimento Europeo per sostenere la società civile lo sviluppo di aziende piccole e medie in Russia.

Non è la prima volta che il governo italiano ha espresso le sue preoccupazioni circa l'impatto sulla società civile russa, ma la richiesta di aggiungere il tema all'agenda delle discussioni dei leader UE pare essere un passo avanti decisivo.

Secondo i due rapporti disponibili da BuzzFeed, il rappresentante diplomatico lettone ha duramente rifiutato la richiesta italiana sostenendo che ottobre non fosse il momento migliore per discutere la questione.

I due rapporti sono stati stilati da due diversi governi dell'UE, e sono state condivisi con BuzzFeed News in anonimato.

Nessuno dei diplomatici presenti ha sostenuto la richiesta italiana.

In una intervista con Ukraina.ru la scorsa settimana Salvini ha riaffermato le proprie posizioni sostenendo di ammirare il presidente russo Vladimir Putin sia come politico che come persona.

L'intervista è stata criticata dall'ambasciatore ucraino in Italia il quale ha detto ai giornalisti che il sito Ukraina.ru è un mezzo di propaganda del Cremlino aperto ad hoc dopo "l'annessione" della Crimea.

Le banche europee hanno smesso di concedere prestiti alla Russia dopo l'introduzione delle sanzioni UE, introdotte in risposta "all'annessione" della Crimea nel 2014.

Correlati:

Italia: strategia di estensione delle relazioni commerciali ed economiche con la Russia
Poroshenko ordina di impedire all'Italia di revocare le sanzioni contro la Russia
Migranti, Salvini va verso e non contro l'Europa
Giornalista Die Welt: "bisogna sciogliere l’UE e crearne una nuova senza Orban e Salvini"
Tags:
Relazioni Internazionali, relazioni internazionali, relazioni bilaterali, relazioni Italia-Russia, Relazioni con la Russia, relazioni diplomatiche, UE, Matteo Salvini, Italia, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik