10:01 18 Ottobre 2018
Bandiere Ue

Giornalista Die Welt: "bisogna sciogliere l’UE e crearne una nuova senza Orban e Salvini"

© AP Photo / Virginia Mayo
Politica
URL abbreviato
15818

La crisi migratoria ha dimostrato che le autorità dell'UE non soddisfano le richieste dei loro cittadini. L’UE è diventata troppo grande e deve essere sciolta, e al suo posto, bisogna crearne una senza politici come il premier ungherese Viktor Orban e il Ministro dell'Interno italiano Matteo Salvini, scrive Christophe Schiltz sul Die Welt

Oggi, in molti paesi, tra cui la Germania, si può osservare con dispiacere come i politici siano sempre più distaccati dalla realtà "accecati dalla loro l'attenzione selettiva", ha scritto nelle pagine di Die Welt giornalista tedesco Christophe Schiltz. E il vertice dei capi di stato e di governo dell'UE a Salisburgo è stato conferma, afferma l'autore. Al vertice le élite europee hanno cercato di occuparsi della Brexit e della politica migratoria. "Il risultato è zero", riassume il loro incontro Schiltz.

Il piano per reindirizzare i flussi di rifugiati verso i paesi del Nord Africa si è rivelato una "fantasia irrealizzabile", continua l'autore. Allo stesso tempo, l'UE non è pronta a ad un eventuale ripetersi degli eventi di tre anni fa, quando un gran numero di migranti è arrivato nell'Unione. Ci sono molti buchi nelle frontiere esterne. Solo in metà dei casi la deportazione degli immigrati clandestini ha successo. Tuttavia, il problema di un'equa distribuzione dei rifugiati non è stato risolto finora.

Inoltre, l'Europa ha molti altri problemi, afferma Schiltz. La crescita del populismo, le "pericolose esplosioni politiche ed economiche delle autorità italiane", la spaccatura che si estende tra Europa occidentale e orientale, le conseguenze dello sviluppo delle tecnologie digitali per il mercato del lavoro, le incomprensibili relazioni con Mosca e la necessità di una risposta strategica alla Nuova Via della Seta (One Belt, One Road) cinese, grazie alla quale Pechino sta costruendo la sua influenza politica in Europa.

Ed è solo un numero limitato di esempi, sottolinea Schiltz. Ma mostrano che le autorità dell'UE non soddisfano le aspettative dei loro cittadini. I problemi si stanno facendo più grandi, ma non vengono risolti. Tutti i paesi membri dell'Unione Europea soffrono di tagli di bilancio e si comportano in modo più egoistico. Inoltre, nella maggior parte delle questioni, è in vigore il principio dell'unanimità, che i paesi con potere di veto utilizzano attivamente per bloccare iniziative sfavorevoli. Ad esempio, l'Ungheria, scrive l'autore.

Il problema principale dell'UE è essersi ingrandita troppo e che in essa ci sono troppi interessi contrastanti. Tuttavia, a differenza delle squadre sportive o delle associazioni di giardinaggio, l'Unione Europea non può escludere dai suoi ranghi coloro che non condividono i suoi valori. Questo fondamentale errore costruttivo non è stato corretto nel trattato di Lisbona del 2009. E ora non può essere eliminato, perché la decisione su questo problema dovrebbe essere presa all'unanimità, spiega Schiltz.

Non bisogna illudersi che la situazione creatasi con il Premier ungherese Viktor Orban e il Ministro degli Interni Matteo Salvini sia solo una tappa, continua il giornalista. Afferma che l'Unione Europea è diventata ostaggio di "Salvini, Orban and Co", e che quindi dovrebbero essere esclusi da essa: "ma sfortunatamente, questo è impossibile. L'attuale UE deve essere dissolta e bisogna creare una nuova unione di dimensioni più piccole che funzioni efficacemente, agisca in solidarietà, rispetti le regole e reagisca rapidamente".

Correlati:

Fonte: nell'UE nessuno vuole istituire centri per il monitoraggio degli immigrati
La nuova UE ora è contro i matrimoni gay
N-TV: l'Ungheria comincia campagna mediatica contro l'UE e il "ricatto" di Bruxelles
Tags:
Immigrazione, Immigrati, immigrazione, UE, Die Welt, Matteo Salvini, Viktor Orban, Germania
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik