09:17 23 Ottobre 2018
Angela Merkel

"Una nuova crisi per il governo della Merkel"

© REUTERS / Hannibal Hanschke
Politica
URL abbreviato
250

Al momento Angela Merkel è impegnata a risolvere una nuova crisi. Ha rimosso dall'incarico il direttore dei servizi segreti interni dopo le polemiche e le proteste anti-immigrati a Chemintz. Sputnik ha chiesto se la Merkel riuscirà a superare questa nuova crisi a Peter Schulze, professore di Scienze Politiche all'università di Gottinga.

Pensa che in futuro la crisi migratoria possa mettere più pressione alla Merkel? Riuscirà ad affrontare e superare queste difficoltà?

— Sta cercando di farlo ora, cercando di perseguire la sua politica adottata nel 2015, ma la storia e gli sviluppi politici si sono rivoltati contro la cancelliera. Gli attacchi contro i richiedenti asilo, gli scontri tra migranti e le aggressioni contro i cittadini tedeschi hanno avuto un impatto molto negativo sulla sua reputazione. La gente prova una forma di protesta nascosta o addirittura rabbia verso i migranti. Non direi che si tratta di odio, razzismo o neonazismo; i cittadini tedeschi sono piuttosto insoddisfatti della politica di accoglienza dei migranti adottata nel 2015, tuttavia non è seguita alcuna reazione politica concreta da parte del governo sostenuto dalla coalizione dei centristi e socialdemocratici. Hanno reagito all'esasperazione dell'opinione pubblica dicendo che bisogna fare qualcosa; lentamente hanno messo alcuni paletti, ma è stato troppo poco. In Baviera Seehofer e la Csu hanno avviato il processo contro la Merkel e la Cdu. La tempesta non è ancora finita.

Correlati:

22enne tedesco muore per una rissa con un gruppo di afghani
Bild: le divergenze sull'immigrazione rischiano di lasciare la Germania senza governo
Tags:
Immigrazione, politica interna, Crisi dei migranti, Servizi Segreti, Angela Merkel, Hans-Georg Maassen, Germania
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik