20:25 23 Ottobre 2018
Leader delle due Coree a Pyongyang

Approccio progressivo USA rischia di ostacolare denuclearizzazione in Corea

© REUTERS / Pyeongyang Press Corps/Pool
Politica
URL abbreviato
271

Alla fine la Corea del Nord si è impegnata a chiudere definitivamente solo il poligono di test per i motori e il lancio di missili di Tongchang-ri, ma per chiudere l'impianto nucleare di Yongbyon aspetterà "misure di risposta" da parte degli Stati Uniti.

Questo accordo tra i leader delle due Coree naturalmente, in certa misura, agevolerà la denuclearizzazione della Corea del Nord, ma la questione è quanto possa essere gradito ai sostenitori a Washington della linea dura nei confronti di Pyongyang.

Certamente non tutto quello che è stato discusso tra i leader delle due Coree sulla denuclearizzazione è rientrato nella dichiarazione congiunta di Pyongyang.

Dimmi che lavoro fai e ti dirò in quale Corea vivi
© AFP 2018 / Ed Jones
Pertanto, dal contenuto del messaggio che Kim Jong-un trasmetterà al presidente Donald Trump tramite il capo di Stato sudcoreano, dipenderà lo svolgimento di un secondo vertice USA-Corea del Nord entro l'anno.

Se verrà organizzato, un accordo migliore sulla denuclearizzazione della penisola coreana potrebbe essere raggiunto tra gli Stati Uniti e la Corea del Nord. Se Kim Jong-un, come concordato, si recherà in visita a Seul entro la fine di quest'anno, la denuclearizzazione potrà ottenere maggiori sviluppi nel 4° vertice intercoreano.

Tuttavia un approccio troppo "progressivo", per cui i negoziati si sono conclusi senza un accordo su un piano d'azione specifico per la denuclearizzazione della penisola coreana e per lo smantellamento delle strutture della guerra fredda, può rafforzare lo scetticismo di Kim Jong-un per avviare negoziati sulla denuclearizzazione e rafforzerà la posizione degli uomini dell'amministrazione Trump convinti del primato e della forza delle sanzioni, incoraggiando azioni unilaterali che alla fine potrebbero complicare i progressi sul disarmo nucleare.

Pertanto, nell'incontro con il presidente americano a metà settembre, il capo di Stato sudcoreano Moon Jae-in dovrà dettagliare il calendario dello smantellamento dei missili balistici e delle armi nucleari nordcoreane, la chiusura e lo smantellamento degli impianti nucleari, così come la conclusione dell'accordo di pace nella penisola coreana, la normalizzazione delle relazioni USA-Corea del Nord, la revoca delle sanzioni contro Pyongyang e così via.

Inoltre per questo scopo sarebbe utile cercare di organizzare un incontro trilaterale con la partecipazione del segretario di Stato Mike Pompeo ed i responsabili della sicurezza delle due Coree per cercare di trovare punti comuni.

Se Kim Jong-un arriverà quest'anno a Seul, occorre pensare a come proporgli una visita congiunta con il presidente Moon Jae-in a Washington per svolgere il vertice trilaterale tra le due Coree e gli Stati Uniti.

Correlati:

Al via incontro tra Corea del Sud e Corea del Nord
Diplomazia USA accusa la Russia di disturbare lavoro dell'ONU sulla Corea del Nord
Diplomatici di Russia e Cina hanno discusso la situazione in Corea
Kim Jong Un: "Sanzioni banditesche contro la Corea del Nord"
Rouhani avverte Corea del Nord: Stati Uniti sono inaffidabili
Tags:
Armi nucleari, Sanzioni, Politica Internazionale, Diplomazia Internazionale, denuclearizzazione, Moon Jae-in, Donald Trump, Kim Jong-un, Penisola coreana, Corea del Sud, Corea del Nord, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik