21:16 12 Novembre 2018
Forze governative siriane

La Francia minaccia ancora Damasco

© Sputnik . BASEM HADDAD
Politica
URL abbreviato
13131

La ministra della Difesa francese Florance Parly ha ribadito che se in Siria verranno usate armi chimiche seguirà una reazione e Parigi non starà ferma, ha dichiarato alla stazione radio Europe 1.

"Pochi giorni fa abbiamo voluto mettere in guardia il regime siriano ed i suoi alleati dell'inammissibilità del possibile nuovo uso di armi chimiche perché, purtroppo, sappiamo che queste armi sono state utilizzate e potranno essere riutilizzate per accelerare la conquista di Idlib… Abbiamo confermato che, non appena verrà oltrepassata la linea rossa seguirà una reazione, in particolare da parte della Francia", ha affermato la Parly.

Ha evidenziato che la Francia teme una catastrofe umanitaria ad Idlib.

"Può essere l'ultimo passo della riconquista dei territori siriani di Bashar Assad… Ci aspettiamo che la conquista possa essere molto cruenta. Pertanto la Francia farà di tutto per impedire la carneficina, che provocherà una grande crisi umanitaria," — ha aggiunto.

Allo stesso tempo la Parly ha sottolineato il lavoro incessante portato avanti a livello diplomatico.

"Agiremo nel campo diplomatico. Il presidente della Repubblica Emmanuel Macron per diversi mesi non ha smesso di negoziare con tutte le parti coinvolte — Iran, Russia e Turchia. Inoltre stiamo lavorando insieme ai nostri partner nel Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite e con diversi Paesi, in particolare europei, che come noi vogliono evitare questo massacro ad ogni costo", ha aggiunto.

In precedenza dichiarazioni simili erano state fatte dal ministro degli Esteri francese Jean-Yves Le Drian, sottolineando che Parigi reagirà duramente all'eventuale uso di armi chimiche da parte delle forze governative siriane ad Idlib.

Il territorio della provincia nord-occidentale di Idlib non è di fatto controllato dalle forze fedeli al presidente Assad. Spadroneggiano gruppi dell'opposizione armata, così come, secondo Mosca e Damasco, terroristi di varie organizzazioni fondamentaliste che periodicamente attaccano le posizioni dell'esercito siriano.

Correlati:

Media: USA schierano ulteriori truppe in Siria
Scontri tra esercito siriano e curdi nel nord-est della Siria
“Esercitazioni militari della coalizione USA in Siria confermano l'occupazione”
“Per l'Occidente in Siria è stata una vergogna”: accuse dal Bundestag
USA pronti a proporre piano per combattere i terroristi ad Idlib
Russia, ministero Difesa fa il punto sulla situazione in Siria
Ambasciatore della Siria in Russia: vicini alla vittoria finale sull'ISIS
Tags:
Geopolitica, Politica Internazionale, Occidente, Terrorismo, Opposizione siriana, crisi in Siria, Esercito della Siria, Bashar al-Assad, Emmanuel Macron, Jean-Yves Le Drian, Florence Parly, Idlib, Medio Oriente, Iran, Russia, Francia, Siria
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik