11:34 19 Settembre 2018
Bandiera della Germania

Germania esorta a reagire a nuove sanzioni antirusse USA

CC BY 2.0 / Andy Hay / Reichstag, Berlin
Politica
URL abbreviato
7110

L’Europa deve reagire alla politica di sanzioni USA nei confronti di Russia, Cina e altrui partner economici, ha dichiarato il Ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas, ad una conferenza degli ambasciatori a Berlino.

"Washington ci sta costringendo a formulare risposte europee in relazione alla politica di sanzioni. Questo vale per Europa e Germania, se gli Stati Uniti improvvisamente senza preventivo accordo e senza preavviso introducono sanzioni contro Russia, Cina, Turchia e in futuro, forse contro altri importanti partner commerciali, bisogna reagire ", ha detto il Ministro.

Ha notato che grazie alla rapida reazione dell'Europa alle nuove sanzioni statunitensi contro l'Iran, è stata evitata un'escalation più grave. Secondo Maas, "è molto se si pensa che potrebbe esserci un'alternativa: una corsa al nucleare in Medio Oriente con conseguenze prevedibilmente devastanti".

In precedenza Maas ha dichiarato che il Ministero degli Esteri tedesco avrebbe riconsiderato la strategia di politica estera della Germania nei confronti degli Stati Uniti. Così, ha osservato che gli Stati Uniti e l'Europa sono in allontanamento da molti anni, e la comunità di interessi e valori sta gradualmente scomparendo.

Come base per una nuova relazione con Washington, Maas suggerisce la costruzione una cooperazione equilibrata, e ha dichiarato che l'obiettivo principale della politica estera tedesca è la creazione di un'Europa forte e indipendente.

Le nuove restrizioni implicano la cessazione di qualsiasi assistenza degli Stati Uniti alla Russia, "fatta eccezione per l'assistenza umanitaria urgente, cibo e altri prodotti agricoli".

Inoltre, il Dipartimento di Stato smetterà di rilasciare licenze alle compagnie statali russe per l'esportazione di armi e prodotti a duplice uso. Ciò non si applica alle merci necessarie per la cooperazione nello spazio e per garantire la sicurezza dei voli dell'aviazione civile. Sono consentite altre eccezioni.

Inoltre, alla Russia verrà negato "qualsiasi credito, garanzie di credito e altro sostegno finanziario" da qualsiasi istituzione statunitense.

Le motivazioni per l'introduzione di un nuovo pacchetto di sanzioni sono state le accuse contro Mosca nell'uso di armi chimiche a Salisbury.

Un  secondo, pacchetto di sanzioni più severo potrebbe essere introdotto a novembre, il divieto potrebbe influire sui prestiti alle entità legali russe, all'esportazione e all'importazione di beni.

Vladimir Putin in precedenza ha definito le nuove sanzioni controproducenti e prive di significato. Allo stesso tempo, ha espresso la speranza che gli Stati Uniti realizzino l'inefficacia di tale politica e quindi Mosca e Washington passeranno alla cooperazione.

Correlati:

Nuove sanzioni USA contro la Russia entrano in vigore
Dipartimento di Stato USA: nuove sanzioni antirusse entreranno in vigore 27 agosto
Mosca promette reazione adeguata a nuove sanzioni USA
Putin definisce nuove sanzioni USA “insensate”
Tags:
Relazioni Internazionali, sanzioni antirusse, relazione, Sanzioni, Relazioni con la Russia, Sanzioni alla Russia, il ministero degli Esteri, Heiko Maas, Germania, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik