10:13 12 Dicembre 2018
Donald Trump

Trump: “un giorno il premier di Israele potrebbe chiamarsi Mohammed”

© Sputnik . Alexey Vitvitsky
Politica
URL abbreviato
107

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha scherzato sul fatto che la risoluzione del conflitto israelo-palestinese con la creazione di uno stato unitario potrebbe portare al fatto che tra qualche anno il primo ministro israeliano potrebbe chiamarsi Mohammed, riferisce Axios.

Come scrive il portale, il 2 agosto, il Ministro degli Esteri francese Jean-Yves Le Drian ha visitato la Giordania, dove ha incontrato il re Abdullah II. Hanno discusso dell'incontro del re con Trump, tenutosi a giugno.

Il re ha detto a Trump che molti giovani palestinesi preferirebbero vivere nello stesso stato con gli israeliani e avere uguali diritti, scrive il portale. "Il risultato sarebbe che Israele perderà il suo carattere ebraico"il giornale cita le parole del re.

"Quello che dice ha senso… Nel caso di uno stato unico, il Primo Ministro di Israele potrebbe chiamarsi Mohammed tra qualche anno" ha risposto Trump sarcasticamente.

Come scrive il portale, durante l'incontro Trump ha anche affermato che rimane impegnato nel raggiungimento della pace in Medio Oriente. Ha notato che se la sua amministrazione non dovesse riuscire a ottenere un accordo tra Israele e la parte palestinese, allora non sarà possibile per nessuna delle amministrazioni degli Stati Uniti.

Gli emissari americani hanno ripetutamente affermato che sono vicini al completamento del lavoro sul piano della pace senza però rivelarne i dettagli. Israele è pronto a collaborare all'iniziativa. I palestinesi, al contrario hanno rifiutato la mediazione dopo che Trump ha dichiarato Gerusalemme la capitale dello stato ebraico, ignorando le loro pretese sulla parte orientale della città.

Correlati:

Bilancio militare USA testimonia disfunzione amministrativa di Trump
Turchia, scontro Erdogan-Trump
Gerusalemme, plauso Casa Bianca a Paraguay per spostamento ambasciata
Erdogan critica la comunità islamica mondiale: “bocciati su Gerusalemme”
Tags:
Relazioni Internazionali, relazioni bilaterali, relazioni diplomatiche, il ministero degli Esteri, Abdullah II di Giordania, Jean-Yves Le Drian, Donald Trump, Israele
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik