01:58 15 Dicembre 2018
Recep Tayyip Erdogan

Per il New York Times "Erdogan non ha giustificato le speranze dell'Occidente"

© Sputnik . Sergey Guneev
Politica
URL abbreviato
123

Dieci anni fa il capo di Stato in carica della Turchia Recep Tayyip Erdogan incarnava la speranza di essere un "possibile pilastro della democrazia" nella regione, scrive il New York Times.

Tuttavia ben presto, quando Erdogan ha concentrato nelle sue mani il potere ed ha iniziato a reprimere con risolutezza l'opposizione, queste speranze sono completamente scomparse, osserva il giornale americano.

Negli ultimi anni Erdogan "è uscito dal percorso riformista" ed ha iniziato a creare nuove alleanze, in particolare con la Russia e il suo potente presidente Vladimir Putin.

Erdogan ha iniziato a gestire l'economia come una "rete clientelare", distribuendo generosamente finanziamenti a società di uomini a lui vicini e raggiungendo l'obiettivo della crescita economica attraverso il debito.

La stessa Turchia è la causa della maggior parte della crisi turca, scrive il New York Times. L'autoritarismo di Erdogan ha minato la credibilità delle istituzioni turche, in particolare della Banca Centrale.

Correlati:

Erdogan: gli USA hanno fatto della Turchia un obiettivo strategico
Turchia, Erdogan annuncia l'inizio del boicottaggio dell’elettronica USA
Erdogan: la crisi economica è una continuazione del colpo di stato
Erdogan: gli USA stanno cercando di pugnalare la Turchia alla schiena
Tags:
Geopolitica, Politica Internazionale, Occidente, Lira turca, New York Times, Vladimir Putin, Recep Erdogan, Russia, USA, Turchia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik