07:17 17 Novembre 2018
Recep Tayyip Erdogan

Erdogan: la crisi economica è una continuazione del colpo di stato

© AP Photo / Burhan Ozbilici
Politica
URL abbreviato
460

Il presidente turco parla agli ambasciatori: il tasso di cambio tornerà ragionevole. Poi accusa il ‘terrorismo’ dei social media.

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan sostiene che il "blocco economico" del suo paese è stato in realtà una continuazione del tentativo di colpo di stato del luglio 2016 e non ci siano ragioni economiche dietro la recente svalutazione della lira turca.

Venerdì, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha dichiarato di aver autorizzato un aumento delle tariffe sulle esportazioni di alluminio e acciaio dalla Turchia, rispettivamente al 20% e al 50%. La lira turca è crollata mentre si diffondevano le notizie delle sanzioni statunitensi, perdendo quasi il 20 per cento del suo valore in 24 ore.

"La Turchia ha dovuto affrontare un blocco economico: era chiaro che gli attacchi alla Turchia, iniziati il 15 luglio [2016], non finiranno, dovremmo essere pronti a fronteggiarlo. Negli ultimi anni, tutti gli attacchi contro di noi possono essere spiegati solo dal fatto che stiamo risolutamente difendendo i nostri interessi", ha detto Erdogan mentre parlava davanti agli ambasciatori turchi ad Ankara.

Il leader turco ha detto che credeva che la valuta del paese sarebbe rimbalzata presto.

"Quello che è successo alla lira non ha nulla a che fare con l'economia e le crisi che abbiamo avuto prima… La nostra economia è sana, resiste e resisterà fermamente. Il tasso di cambio tornerà a indicatori ragionevoli nel prossimo futuro", ha detto.    

Correlati:

Erdogan: risposta della Turchia nella guerra commerciale USA
Tags:
Colpo di stato in Turchia, crisi economica, Recep Erdogan, Turchia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik