17:06 17 Agosto 2018
Oppositore in Venezuela

“L'attentato contro Maduro veniva preparato da mezzo anno”

© REUTERS / Ueslei Marcelino
Politica
URL abbreviato
162

Il ministro delle Comunicazioni e dell'Informazione del Venezuela Jorge Rodriguez ha dichiarato a Sputnik che l'attentato contro il presidente Nicolas Maduro veniva preparato da 6 mesi.

"La veloce reazione della security del presidente Maduro non solo ha assicurato l'incolumità del capo di Stato, ma è riuscita anche a catturare alcuni esecutori dell'attacco sul posto… Ora stanno raccontando i dettagli di questa operazione, che è stata preparata da almeno 6mesi," — ha detto Rodriguez.

In precedenza il ministro delle Comunicazioni venezuelano Jorge Rodriguez aveva riferito che diversi droni con esplosivi erano stati diretti contro il palco in cui si trovava il presidente Maduro per assistere ad una parata. Secondo il ministro, sette guardie del corpo sono rimaste ferite, ma il presidente è rimasto incolume. Successivamente lo stesso Maduro ha accusato l'opposizione interna e il governo colombiano dell'attentato. Il ministero degli Esteri colombiano ha rilasciato una dichiarazione in cui respinge categoricamente il coinvolgimento di Bogotà nella vicenda. Anche le autorità statunitensi non hanno preso parte al tentato assassinio del presidente Maduro, ha dichiarato su Fox News il consigliere per la Sicurezza Nazionale degli Stati Uniti John Bolton.

Il gruppo paramilitare "Soldados de Franelas" ha rivendicato l'attentato.

"L'operazione è stata compiuta con 2 droni carichi di esplosivo C4 verso il palco presidenziale. I cecchini della guardia d'onore hanno abbattuto i droni prima di raggiungere l'obiettivo. Sono vulnerabili, ora non ce l'hanno fatta, ma è una questione di tempo", — si afferma in un tweet del movimento.

​Il portale messicano Sin Embargo rileva che il gruppo "Soldados de Franelas" è stato creato nel 2014 ed è legato all'ufficiale di polizia ribelle Oscar Peres, ucciso durante un'operazione speciale nel gennaio 2018. Il gruppo si posiziona come alleanza di tutte le forze di resistenza nazionale contro Maduro.

Lo stesso Maduro ha promesso di punire al massimo coloro che hanno attentato alla sua vita.

"Non vi perdonerò, lo giuro sul futuro della gente, sul futuro della patria", ha detto Maduro in un discorso televisivo alla nazione.

Il capo di Stato venezuelano ha accusato le forze di destra dell'opposizione interna con la complicità dei colombiani mandati dal presidente conservatore Juan Manuel Santos. Ha inoltre denunciato che alcuni degli organizzatori dell'attentato vivevano in Florida ed ha chiesto aiuto a Donald Trump nella lotta contro questi "gruppi terroristici".

Correlati:

Mosca stigmatizza l'attentato contro il presidente venezuelano Maduro
Attentato Maduro, presidente boliviano Morales accusa “USA e suoi servi”
Consigliere per la Sicurezza di Trump commenta attentato contro Maduro
Tentativo di omicidio di Maduro finisce su video
Damasco condanna l'attentato contro Maduro
Tags:
Politica Internazionale, Attentato, Nicolas Maduro, Venezuela
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik