12:28 14 Agosto 2018
Congresso degli Stati Uniti

Senatori USA avvertono Berlino-Parigi-Londra dei rischi per elusione sanzioni contro Iran

© Sputnik . Igor Mikhalev
Politica
URL abbreviato
7026

Alcuni senatori repubblicani hanno inviato delle lettere alle rappresentanze diplomatiche negli Stati Uniti di Germania, Francia e Regno Unito mettendo in guardia dai propositi di questi Paesi di aggirare le sanzioni di Washington che verranno introdotte contro l'Iran il 4 novembre, segnala il portale tedesco t-online.de.

Secondo il portale, le lettere firmate da alcuni senatori repubblicani, tra cui Ted Cruz, Marco Rubio, Tom Cotton, sono state inviate alle Ambasciate giovedì.

"Vi scriviamo per invitarvi a rispettare tutte le sanzioni americane, anche per sottolineare che la nostra particolare preoccupazione suscitata dai vostri tentativi di eludere le leggi statunitensi o contrastarle", afferma un passaggio della lettera.

I senatori repubblicani hanno inoltre rilevato che le misure afflittive contro Teheran vanno inquadrate nella meditata politica americana di lungo periodo ed i tentativi di eludere le sanzioni da parte dei Paesi europei implicheranno conseguenze.

"Qualsiasi tentativo di eluderle o contrastarle può portare ad azioni del Congresso sulla cooperazione con l'amministrazione statunitense", hanno avvertito i senatori.

Correlati:

"L'attacco americano contro l'Iran farà scoppiare la Terza Guerra Mondiale"
Per Mosca i mercati hanno scontato le sanzioni USA anti-Iran sul prezzo del petrolio
Presidente dell'Iran invita Trump a "non giocare col fuoco"
Export di petrolio, “o tutti o nessuno”: l'Iran reagisce alle sanzioni USA
Iran, esperto: il divieto sulle importazioni farà crescere l’industria nazionale
Iran aggira le sanzioni registrando aziende in Turchia
Tags:
Sanzioni, Petrolio, Geopolitica, Politica Internazionale, Economia, Diplomazia Internazionale, Occidente, Casa Bianca, Senato degli USA, Congresso USA, Unione Europea, Tom Cotton, Donald Trump, Ted Cruz, Marco Rubio, Iran, Gran Bretagna, Germania, UE, Francia, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik