08:38 18 Luglio 2018
ONU

Corea del Nord, secondo Usa nel 2018 ha violato le sanzioni Onu almeno 89 volte

© REUTERS / Denis Balibouse
Politica
URL abbreviato
103

La missione statunitense presso le Nazioni Unite ha presentato un rapporto completo di immagini satellitari all’organizzazione delle Nazioni Unite affermando che la Corea del Nord nel 2018 ha ripetutamente violato le sanzioni che il Consiglio di sicurezza Onu ha imposto contro Pyongyang.

Secondo l'emittente giapponese NHK, il rapporto degli Stati Uniti avrebbe rivelato almeno 89 violazioni avvenute tra gennaio e maggio, quando le navi cisterna della Corea del Nord consegnavano prodotti petroliferi ottenuti illecitamente nei porti del paese.

Le navi della Corea del Nord sono state ripetutamente avvistate accanto alle petroliere di altri stati, sollevando sospetti di trasferimenti da nave a nave banditi dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

La missione statunitense stima che Pyongyang avrebbe già superato il limite di 500.000 barili all'anno consentito dal Consiglio di sicurezza dell'ONU.

A settembre, il Consiglio di sicurezza ha rafforzato il regime di sanzioni contro Pyongyang sul suo programma nucleare, limitando il petrolio greggio e le importazioni.

La situazione nella penisola coreana è notevolmente migliorata negli ultimi mesi, con il leader nordcoreano Kim Jong-un che ha tenuto due cicli di colloqui con il presidente sud-coreano Moon Jae-in e un vertice di alto livello con il leader degli Stati Uniti Donald Trump a Singapore.

Ma gli Stati Uniti hanno ripetutamente affermato che le sanzioni contro Pyongyang rimarranno in vigore fino a quando non avrà raggiunto una denuclearizzazione completa, verificabile e irreversibile.

Correlati:

Kim Jong-un vuole trasformare la Corea del Nord in un "paese normale"
USA, intelligence crede che la Corea del Nord non voglia rinunciare all'arsenale nucleare
Nucleare, analista russo contesta media USA che denunciano violazioni della Corea del Nord
Tags:
ONU, USA, Corea del Nord
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik