22:32 18 Ottobre 2018
Il Pentagono, Washington, DC

Politologa: "il Pentagono sta imponendo la sua agenda in America Latina"

© AFP 2018 / STAFF
Politica
URL abbreviato
242

Oggi, la lotta contro la droga e il terrorismo è la ragione per cui il Comando Meridionale (Southern Command) del Pentagono mantiene la sua presenza in America Latina. Allo stesso tempo, gli ultimi documenti si riferiscono alla corruzione, dichiara la politologa e analista del centro strategico geopolitico latinoamericano (CELAG), Silvina Romano.

L'esperta Silvina Romano ha osservato che questo problema è di natura civile e non ha nulla a che fare con l'amministrazione militare, e ha analizzato i progressi dell'intervento militare americano in America Latina.

"L'apertura della base militare a Neuquén, in Argentina, è la prova del riavvicinamento del presidente Mauricio Macri al governo e al settore privato degli Stati Uniti. Ora dicono che il problema principale in Argentina è il terrorismo. Mi chiedo se gli stessi argentini siano d'accordo con questa opinione" ha detto Romano.

Inoltre, ha attirato l'attenzione sui piani del Pentagono in Sud America.

"Si dice che la base di Neuquén verrà aperta per motivi di assistenza umanitaria, ma dietro questa c'è la presenza territoriale delle forze armate statunitensi. La Patagonia rappresenta una via per l'Antartide, tutto questo è fatto nell'interesse del complesso militare-industriale statunitense. Qualsiasi progetto del Southern Command contribuirà allo sviluppo dell'industria militare statunitense", ha detto l'esperto.

Terrorismo, aiuti umanitari, la guerra alla droga: "tutte queste sono dottrine imposte dagli Stati Uniti, è Washington che impone un'agenda e detta quali sono i problemi di cui la nostra regione dovrebbe preoccuparsi", hanno l'analista e ricercatrice.

Inoltre, il Southern Command, con la sua missione militare permanente degli Stati Uniti in America Latina e nei Caraibi, sta cercando di interferire con questioni non correlate alla difesa e alla sicurezza.

"All'improvviso, il Pentagono è preoccupato per la corruzione, che è sempre stata un problema puramente civile" dice Romano.

Secondo lei, in un documento dell'anno 2018 il Southern Command ha definito la corruzione un "tumore canceroso che inghiotte la democrazia" in America Latina.

"La domanda è come gli Stati Uniti la combatteranno. Quando parliamo della guerra legale alla corruzione e dell'eliminazione degli oppositori politici, stiamo parlando di una guerra ibrida che si combatte costantemente su più fronti contemporaneamente: nei media, nella psicologia, nell'economia, ecc" ha detto Silvina Romano, Dottoressa in scienze politiche, ricercatrice e analista del centro strategico geopolitico latinoamericano (CELAG).

Correlati:

Giornalista argentino: partita Israele-Argentina prova legami calcio-politica
Terrorismo, Russia a colloquio con Argentina e Brasile per database
Balena spiaggiata sulla riva salvata in Argentina
Tags:
Relazioni Internazionali, Geopolitica, geopolitica, relazioni diplomatiche, Pentagono, America Latina, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik