19:52 23 Settembre 2018
Donald Trump e Kim Jong-un

“Russia determinante per denuclearizzazione rapida della Corea del Nord”

© AP Photo / Evan Vucci, Wong Maye-E, File
Politica
URL abbreviato
430

Il desiderio di Trump di sbarazzarsi delle armi nucleari e dei missili di Pyongyang, trasferendoli dalla Corea del Nord direttamente negli Stati Uniti è probabile che vada incontro a grandi difficoltà, a cominciare dal rifiuto del piano delle autorità nordcoreane e per gli enormi costi.

Pertanto per rendere veloce la denuclearizzazione della Corea del Nord le sue armi nucleari devono essere portate in un Paese neutrale e vicino come la Cina o la Russia.

Questo parere è stato espresso in un'intervista con Sputnik da Cheong Seong-Chang, direttore del dipartimento di Pianificazione e Ricerca dell'Istituto Sejong.

"Affinchè gli Stati Uniti possano effettuare ispezioni degli impianti nucleari della Corea del Nord e monitorare l'andamento della denuclearizzazione, la Corea del Nord dovrà svelare tutta la sua infrastruttura militare, cosa che sicuramente può implicare il rifiuto o l'inerzia di Pyongyang e conseguentemente slitteranno i tempi."

Allo stesso tempo l'insistenza di Trump nel portare via in tempi brevissimi le armi nucleari nordcoreane potrebbe suggerire azioni di ritorsione verso la Corea del Nord in caso di rifiuto. Ma se Washington sia veramente pronta a questo scenario è una questione aperta, ritiene  Cheong Seong-Chang.

Se Pyongyang e Washington riusciranno a raggiungere un'intesa su questo punto, allora l'accordo è fattibile. Tuttavia è solo metà della battaglia. Dopotutto la cosa più importante è concordare i modi concreti per la denuclearizzazione. In quest'ottica l'aiuto della Russia può essere inestimabile.

"La Corea del Nord si opporrà certamente al fatto che gli Stati Uniti prendano in consegna le loro testate nucleari ed i missili balistici intercontinentali. Infatti in questo caso apprenderanno le reali possibilità della Corea del Nord e se sono inferiori alle aspettative, Pyongyang perderà il suo potere nei negoziati. Ma se le armi nucleari verranno portate in Cina o Russia, la resistenza della Corea del Nord probabilmente sarà minore…

Quindi, a mio parere, per il ritiro e lo smaltimento delle armi nucleari e dei missili balistici intercontinentali della Corea del Nord è più facile coinvolgere direttamente la Cina o la Russia.

Questo scenario emerge se si seguono semplicemente la logica e le circostanze reali. La Russia ha esperienza nello smaltimento delle armi nucleari, la Cina non ce l'ha. Pertanto, da un punto di vista tecnico, il piano di esportazione e distruzione delle testate nucleari in Russia è più fattibile. D'altra parte Pyongyang ha rapporti più stretti con la Cina che con la Russia in questo momento. Di conseguenza, se Washington vuole una rapida denuclearizzazione senza intoppi, devono cedere alla Cina e alla Russia il diritto di effettuare ispezioni e controlli al posto della parte americana. Questa soluzione accelererà significativamente tutto il processo e darà a Mosca e a Pechino l'opportunità di contribuire alla soluzione della questione".

Inoltre Cheong Seong-Chang considera possibile il rapido rafforzamento delle relazioni tra Russia e Corea del Nord, in particolare dopo la visita del ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov a Pyongyang. A suo avviso non si può escludere un vertice bilaterale tra Putin e Kim Jong-un a margine del vertice dell'Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai (SCO), che si terrà a Qingdao già il 9 e 10 giugno.

Allo stesso tempo, secondo l'esperto sudcoreano, la ripresa della cooperazione economica a tutti gli effetti tra la Russia e la Corea del Nord, compresi i progetti trilaterali con Seul, in ogni caso dipenderanno dal successo dell'incontro tra Kim Jong-un e Donald Trump.

Correlati:

Esperti commentano timori giapponesi nei negoziati USA-Corea del Nord
Corea del Nord: accordi con Lavrov per tenere un vertice con la Russia
La Corea del Nord non abbandonerà mai le armi nucleari, ritiene il senatore americano
Presidente Corea del Sud: Pyongyang diffida degli USA sulle garanzie di sicurezza
Tags:
Armi nucleari, Geopolitica, Politica Internazionale, Diplomazia Internazionale, missile balistico, Donald Trump, Kim Jong-un, Penisola coreana, Corea del Nord, USA, Cina, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik