15:19 22 Giugno 2018
Heinz-Christian Strache

Dal governo austriaco appello per revocare le sanzioni contro la Russia

© REUTERS / Leonhard Foeger
Politica
URL abbreviato
5340

L'Unione Europea dovrebbe riconsiderare la sua posizione sulla Russia e cancellare le sanzioni, ha dichiarato al giornale "Österreich" Heinz-Christian Strache, vice cancelliere austriaco e leader del Partito della Libertà Austriaco (destra nazionalista).

"Le sanzioni hanno danneggiato principalmente l'economia austriaca. Ho sempre messo in guardia dal portare la Russia tra le braccia della Cina", ha sottolineato Strache.

Secondo il politico, "è il momento di fermare queste dolorose sanzioni e normalizzare le relazioni politiche ed economiche con la Russia".

Le relazioni tra la Russia da una parte e l'Unione Europea e gli Stati Uniti dall'altra sono peggiorate per la crisi politica in Ucraina. Dopo la riunificazione della Crimea con la Russia nel 2014, l'Occidente ha accusato Mosca di aver violato le norme del diritto internazionale ed ha imposto sanzioni.

La Russia ha preso misure di ritorsione ed ha avviato il corso per la sostituzione delle importazioni. Mosca più di una volta ha evidenziato che parlare nella lingua delle sanzioni è controproducente. Allo stesso tempo ha sottolineato che la Russia non è una parte del conflitto interno ucraino e non ha impegni derivanti dagli accordi di Minsk per la normalizzazione della crisi nel Donbass.

Correlati:

Sanzioni contro la Russia: “Noi le provochiamo e uccidiamo la nostra economia”
Ucraina chiederà all'Occidente sanzioni più pesanti contro la Russia
Capo Fondo Monetario Internazionale afferma necessità di rivedere le sanzioni anti-russe
Russia, Siluanov: Pronti a usare euro anziché dollaro se UE si oppone alle sanzioni Usa
La Duma continuerà il lavoro sulla legge per criminalizzare chi rispetta sanzioni USA-UE
Tags:
sanzioni antirusse, Diplomazia Internazionale, Economia, Politica Internazionale, Unione Europea, Heinz-Christian Strache, UE, Russia, Austria
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik