18:05 21 Settembre 2018
Navi cinesi presso le isole contese nel Mar Cinese Meridionale

Cina accusa USA di ingerenza in affari interni

© REUTERS / U.S. Navy
Politica
URL abbreviato
4100

La Cina ritiene ogni critica riguardo lo spiegamento di armamenti nelle isole del Mar Cinese Meridionale un tentativo di ingerenza negli affari interni, ha dichiarato il vice-presidente dell’Accademia delle scienza militari dell’esercito cinese He Lei, commentando le dichiarazioni del capo del Pentagono James Mattis.

In precedenza, Mattis ha accusato la Cina di aver violato le norme internazionali nel Mar Cinese Meridionale. Secondo lui, lo spiegamento di armamenti sulle isole contese è direttamente correlato agli obiettivi militari. Allo stesso tempo ha avvertito Pechino delle possibili conseguenze.

"Lo spiegamento di truppe o armi sulle nostre isole e barriere coralline nel Mar Cinese Meridionale rientra nei nostri diritti sovrani, questo è consentito dalla legge internazionale", ha detto He Lei in onda sulla Central Television of China.

La Cina e diversi paesi della regione, Giappone, Vietnam e Filippine, sono in contrasto rispetto ai confini marittimi e sulle zone di responsabilità nei mari della Cina meridionale e della Cina orientale.

Allo stesso tempo, gli Stati Uniti dichiarano che la Cina sta costruendo isole artificiali, trasformandole in obiettivi militari e espandendo le sue acque territoriali. La Cina respinge queste accuse, sostenendo di avere il diritto sovrano di condurre qualsiasi attività e di collocare qualsiasi infrastruttura sul suo territorio.

Correlati:

Ira di Pechino per le navi militari USA nel Mar Cinese Meridionale
Navi militari USA passano vicino le isole contese del Mar Cinese Meridionale
USA accusano Cina di azioni provocatorie nel Mar Cinese Meridionale
Tags:
Armi, Diplomazia Internazionale, Diritto internazionale, Politica USA, Armi, Pentagono, James Mattis, Mar Cinese Meridionale, Cina
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik