19:48 23 Ottobre 2018
I sostenitori del partito anti-euro tedesco Alternativa per la Germania (foto d'archivio)

Alternativa per la Germania denuncia la Merkel

© AFP 2018 / Andreas Arnold
Politica
URL abbreviato
0 160

Il partito di destra tedesco Alternativa per la Germania (AdG) ha presentato una denuncia alla Corte costituzionale contro il cancelliere Angela Merkel in connessione con la politica sull'immigrazione del governo. Lo riferisce il giornale Zeit con riferimento all'avvocato del partito Stefan Brandner.

Secondo lui, la denuncia è stata presentata alla corte costituzionale di Karlsruhe il 14 aprile.

La denuncia indica che nell'elaborare la politica sull'immigrazione, il governo ha violato il diritto del Bundestag a partecipare alla risoluzione del problema. Pertanto, AdG richiede la verifica della decisione di Merkel di aprire la frontiera con l'Austria per i rifugiati, adottata nel settembre 2015.

"Questa denuncia può cambiare il mondo e cambierà il mondo se porterà al risultato desiderato", ha detto Brander. Ha aggiunto che quindi la Merkel dovrebbe lasciare il suo incarico il prima possibile.

Secondo il Ministero degli Interni, nel 2015 circa 900.000 rifugiati e migranti sono entrati in Germania e questo ha provocato un aumento del supporto alla destra nel paese. Di conseguenza, il flusso di migranti è stato limitato a 200.000 persone all'anno.

La politica migratoria è stata uno dei temi controversi nei negoziati sulla formazione di un nuovo governo tedesco. Allo stesso tempo, Alternativa per la Germania durante la campagna pre-elettorale del 2017 ha promesso che avrebbe avviato un'indagine sulla politica della "porta aperta" della cancelliera Merkel.

Correlati:

Alternativa per la Germania sfida la Merkel: sarà comunque divertente
Germania: presentato il manifesto anti-islamco del partito ‘Alternativa per la Germania’
“Alternativa per la Germania” contro l’aiuto alla Grecia
Tags:
Immigrazione, Immigrati, immigrazione, Immigrazione illegale, Immigrazione clandestina, Alternativa per la Germania, Il Ministero degli Interni, Angela Merkel, Germania
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik