12:02 24 Settembre 2018
BRICS

Ministero esteri svela posizione BRICS su sanzioni USA contro Iran

Host photo agency
Politica
URL abbreviato
1120

I paesi Brics si oppongono all'imposizione di sanzioni unilaterali contro l’Iran comunica a Sputnik il capo dell’ufficio sui Brics del Ministero deli Esteri russo Mikhail Kalugin.

Secondo lui il tema verrà discusso il 4 giugno alla riunione ministeriale dell'associazione in Sudafrica.

Ha ricordato che tutti i membri del BRICS hanno relazioni abbastanza sviluppate con l'Iran e si oppongono sanzioni che Washington minaccia di imporre contro i paesi che commerciano con la Repubblica Islamica.

"Stiamo difendendo il diritto delle nazioni a sviluppare relazioni con quei paesi con cui vogliono farlo" ha detto Kalugin.

Il diplomatico ha aggiunto che questo sviluppo continuerà "nonostante pressioni e sanzioni esterne".

L'8 maggio, il presidente USA Donald Trump ha annunciato il ritiro del paese dall'accordo sul nucleare con l'Iran e ha ordinato immediatamente di iniziare il ripristino delle sanzioni contro Teheran.

Settori critici dell'economia iraniana, tra cui energia, petrolchimica e finanza, verrebbero colpiti dalle sanzioni. Verranno inoltre ripristinate le sanzioni secondarie, cioè quelle che impediscono agli altri paesi di fare affari con l'Iran. Una delle domande principali è se gli alleati degli Stati Uniti soddisferanno questi requisiti.

Il resto dei paesi garanti dell'accordo hanno condannato la decisione di Trump, sottolineando le pericolose conseguenze delle azioni di Washington.

Correlati:

Sergey Baburin: per il rafforzamento della Russia nella SCO e nei BRICS
Sondaggio, i russi vogliono una rete internet dedicata esclusivamente ai paesi BRICS
Bruxelles pronta a difendere aziende europee dalle sanzioni USA contro l'Iran
Unione Europea comunica possibile risposta alle sanzioni statunitensi contro Iran
Tags:
Sanzioni, Sanzioni Iran, Sanzioni, Incontro BRICS, Adesione ai BRICS, Cooperazione con BRICS, BRICS, Mondo
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik