00:32 24 Settembre 2018
Nord stream 2

Berlino risponde minaccia di sanzioni USA su Nord Stream 2

© Foto: Nord Stream 2 / Wolfram Scheible
Politica
URL abbreviato
8420

L’ipotetica rinuncia di Berlino al Nord Stream 2 non può garantire la crescita delle importazioni di gas naturale liquefatto dagli Stati Uniti, ha detto il ministro dell'Economia e dell'Energia della Germania Peter Altmaier.

"Gli Stati Uniti sono alla ricerca di mercati, siamo solidali con questo e siamo pronti a fare in modo che questo gas raggiunga più facilmente la Germania, ma al momento rimane molto più costoso del gas fornito attraverso il gasdotto" ha detto il Ministro in diretta sul canale ARD.

Altmaier ha aggiunto che se gli Stati Uniti metteranno al centro i propri interessi economici, dovrebbero essere preparati al fatto che gli europei faranno lo stesso.

In precedenza, l'agenzia Bloomberg, citando il vice assistente segretario Sandra Oudkirk ha riferito che, in caso di ulteriore sviluppo del Nord Stream 2 Washington potrebbe prendere in considerazione misure di ritorsione nel quadro della legge "sulla lotta agli avversari dell'America attraverso le sanzioni (CAATSA). Ha spiegato la posizione degli Stati Uniti per il fatto che la costruzione del gasdotto rafforzerà la dipendenza dell'Europa dal gas russo.

Il progetto Nord Stream-2 prevede la costruzione di due linee di gasdotto con una capacità totale di 55 miliardi di metri cubi di gas all'anno dalla costa russa attraverso il Mar Baltico alla Germania. La nuova pipeline dovrebbe essere costruita accanto all'attuale Nord Stream.

Correlati:

Esperto: la Germania vuole il Nord Stream 2 per timore delle sanzioni USA
USA offrono alla Germania accordo in cambio della rinuncia al Nord Stream 2
In Germania al via i lavori preliminari per costruzione tratto marino di Nord Stream-2
Ambientalisti tedeschi cercano di bloccare la costruzione di Nord Stream-2
Tags:
Gas, Nord Stream 2, Nord Stream, gasdotto Nord Stream 2, Nord Stream-2, ministero per Economia e Finanze, Germania, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik