09:55 23 Ottobre 2018
Russia, Usa, Siria

La Russia accusato gli USA di creare zone "grigie" in Siria

© Collage : La Voix de la Russie
Politica
URL abbreviato
18191

La Russia teme la ripresa dei terroristi dello "Stato Islamico" sul territorio siriano controllato dagli Stati Uniti dopo il ritiro delle forze armate americane, ha dichiarato oggi in una riunione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, il rappresentante ad interim della Federazione Russa Dmitry Polyansky.

"Prima di accusare la Russia o l'Iran, dite su quali basi si giustifica la presenza delle forze statunitensi in Siria e qual è il loro vero scopo. I territori da voi controllati sono diventati delle zone grigie, dove imperversano fondamentalisti di vario tipo e terroristi dichiarati", — ha detto il diplomatico.

In particolare si è interessato alla sorte di centinaia di terroristi dell'ISIS nelle mani dei gruppi siriani fedeli alle forze statunitensi.

"Non vengono condotte indagini contro di loro, non dite i Paesi di origine dei terroristi. Abbiamo preoccupazioni sul fatto che si concretizzerà la rinascita dell'ISIS in queste aree, dopo che gli Stati Uniti le avranno lasciate. Dovrete andarvene prima o poi", ha detto Polyansky.

Correlati:

Siria, discusso ad Astana accordo sull'allentamento della tensione
Ex ambasciatore israeliano in USA commenta divergenze tra Russia e Israele sulla Siria
Erdogan accusa USA e Israele della destabilizzazione della Siria
Militari israeliani valutano gli effetti e danni dei bombardamenti notturni in Siria
Nel Parlamento russo critiche ai raid israeliani contro obiettivi iraniani in Siria
Siria, Assad respinge accuse su uso armi chimiche
Tags:
Terrorismo, Politica Internazionale, Opposizione siriana, crisi in Siria, Daesh, Dmitry Polyansky, Siria, USA, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik