16:51 20 Ottobre 2018
Sergey Lavrov

Russia denuncia pressioni USA su firmatari dell'accordo nucleare con l'Iran

© Sputnik . Grigoriy Sisoev
Politica
URL abbreviato
6330

Gli Stati Uniti esercitano forti pressioni sugli altri firmatari dell'accordo nucleare con l'Iran, ha dichiarato il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov in una conferenza stampa con il capo della diplomazia delle Filippine Alan Peter Cayetano.

"Vediamo, come avete giustamente detto, che viene e verrà esercitata molta pressione, già vengono posti ultimatum sulla necessità di interrompere il commercio con l'Iran, comprese le forniture di alcuni prodotti, compreso il petrolio iraniano, si definiscono i tempi, 60 giorni, 90 giorni. Si tratta di un piano di pressione di massa", — ha detto Lavrov.

Come sottolineato dal capo della diplomazia russa, i partner europei si dicono pronti ad assicurare di non dipendere dagli Stati Uniti nelle loro relazioni economiche e commerciali con l'Iran, apprestandosi a prendere misure compensative.

"Una cosa è chiara: gli Stati Uniti, rinunciando al piano comune d'azione globale, hanno perso tutti i loro diritti in relazione a questo documento, perché ci sono diverse disposizioni che riguardano solo i firmatari dell'accordo. Gli Stati Uniti, secondo me non lo negano, hanno perso i loro diritti", ha detto Lavrov.

Correlati:

Ambasciatore UE in USA: nessuna alternativa seria di Washington ad accordo nucleare Iran
Ministro degli esteri Iran stabilisce obiettivo negoziati con Russia, Cina e trio Europeo
Russia, Sukhoi non rinuncerà a consegne aerei SSJ-100 in Iran per le sanzioni USA
USA pronti a lavorare con UE su un nuovo accordo per l'Iran
Mogherini: l’UE manterrà l’accordo sul nucleare con l'Iran
Macron assicura Rouhani, Parigi continuerà a rispettare l'accordo con l'Iran
Mosca: rinuncia USA ad accordo nucleare con Iran viola risoluzione ONU
Tags:
Occidente, Nucleare, Diplomazia Internazionale, Politica Internazionale, accordo nucleare, Accordo con Iran, Sergej Lavrov, USA, Iran, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik