04:18 26 Maggio 2018
Roma+ 17°C
Mosca+ 9°C
    Duma

    Parlamento russo discute disegno di legge sulle controsazioni contro USA e alleati

    © Sputnik . Sergey Kuznecov
    Politica
    URL abbreviato
    5180

    Oggi la Duma prenderà in considerazione in prima lettura il disegno di legge sulla risposta della Russia alle sanzioni statunitensi e ai Paesi che sostengono le misure afflittive americane.

    Il documento, presentato dal presidente della Duma Vyacheslav Volodin e dai capigruppo di tutte le forze politiche presenti in Parlamento e sostenuto dalla maggioranza dei deputati, ammette la possibilità di introdurre controsanzioni in risposta alle sanzioni ed azioni ostili di Stati Uniti ed altri Paesi.

    Il disegno di legge autorizza il governo, su disposizione del presidente, ad introdurre 16 azioni ritorsive di vario genere, come il divieto o la limitazione dell'importazione di alcol e tabacco, prodotti agricoli, medicinali prodotti da alcuni Paesi, e il divieto o la limitazione all'esportazione di metalli rari, la sospensione della cooperazione nel settore nucleare ed aerospaziale.

    Prima della discussione del documento in prima lettura, le commissioni di politica economica ed i suoi sottogruppi avevano rilevato la necessità di introdurre correzioni in seconda lettura.

    La Duma prevede di escludere dal testo della proposta di legge la menzione di specifici settori, beni e servizi ed espandere i poteri del presidente e del governo per introdurre sanzioni ad hoc contro imprese e persone fisiche straniere. Allo stesso tempo le contromisure stabilite dal documento non dovrebbero essere estese a beni di prima necessità, i cui analoghi non sono prodotti in Russia o in altri Paesi.

    Correlati:

    Per Bloomberg “la Russia attenuerà la sua risposta alle sanzioni americane”
    Monito del leader dei liberali tedeschi contro lo scontro tra Occidente e Russia
    Tags:
    Sanzioni, Politica Internazionale, Economia, Occidente, sanzioni antirusse, Duma, USA, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik