16:24 15 Agosto 2018
Sede dell'UE a Bruxelles

Spaccatura linguistica: predominio dell'inglese nella UE non piace alla Francia

© AP Photo / Virginia Mayo
Politica
URL abbreviato
470

L'ambasciatore della Francia presso la UE Philippe Léglise-Costa ha lasciato deliberatamente la riunione dei rappresentanti permanenti degli Stati membri a Bruxelles per protestare contro la mancanza di traduzione nelle lingue nazionali della seduta.

Con questo gesto ha sollevato ancora una volta la questione del predominio della lingua inglese negli organi della comunità europea.

Come riportato dall'agenzia Belga, il capo della missione diplomatica francese ha lasciato la riunione nel Consiglio d'Europa sulle prospettive finanziarie per il periodo 2021-2027 dal momento che il dibattito avveniva esclusivamente in lingua inglese.

A Bruxelles hanno spiegato la mancanza di interpreti con la natura della riunione a livello di ambasciatori e col fatto che l'incontro fosse di natura consultiva: secondo la prassi corrente, in questi casi non si usano interpreti.

Il diplomatico francese presso la UE è rammaricato dal predominio della lingua di Shakespeare nelle istituzioni europee ed ha sottolineato l'unicità della riunione, focalizzata sulla pianificazione del bilancio europeo nel periodo dopo l'uscita del Regno Unito dalla UE, evidenzia l'agenzia Belga.

Tags:
Diplomazia Internazionale, Politica Internazionale, inglese, Unione Europea, Consiglio d'Europa, Philippe Léglise-Costa, UE, Francia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik