13:52 19 Agosto 2018
Le bandiere di Russia e USA

“Russia in grado di rispondere alla pressione violenta americana”

© Sputnik . Maxim Blinov
Politica
URL abbreviato
13622

La Russia è in grado di rispondere alle forti pressioni degli Stati Uniti, ha affermato il direttore del dipartimento di non proliferazione e controllo degli armamenti del ministero degli Esteri russo Vladimir Ermakov.

"Il mito americano di entrare in un'era di dominio esteso e incontrastato è esistito invano per una decina d'anni, ora sta cadendo a pezzi. La Russia è tornata di nuovo nella sua posizione tradizionale come uno dei garanti della stabilità e della giustizia nella politica mondiale, sulla base del diritto internazionale".

Il diplomatico ha inoltre osservato che il peso tecnologico-militare statunitense nel mondo sta diminuendo. Secondo lui, prima o poi gli americani dovranno iniziare a trovare un accordo con la Russia.

Secondo Ermakov, Washington potrebbe intensificare il dialogo con Mosca dopo i bombardamenti in Siria.

Nella notte tra il 13 aprile e il 14 aprile Stati Uniti, Francia e Regno Unito hanno bombardato obiettivi militari e civili in Siria. Durante l'attacco sono stati lanciati più di 100 missili, la maggior parte dei quali sono stati abbattuti con successo dalla contraerea siriana. Il motivo dell'attacco è il presunto uso di armi chimiche da parte delle autorità siriane nella Ghouta orientale, nonostante nessuna prova sia stata mai presentata.

Il presidente russo Vladimir Putin ha criticato le azioni degli Stati occidentali, definendo l'attacco alla Siria un atto di aggressione.

Correlati:

Bombe sulla Siria, verso un’escalation USA-Russia?
La Cina aiuterà la Russia nell'opposizione agli USA
Russia-USA, Dvorkovich: Mosca non può dipendere dall'umore di una persona al mattino
Turchia ribadisce ruolo di intermediario tra USA e Russia sulla crisi siriana
Tags:
Geopolitica, Politica Internazionale, Diplomazia Internazionale, crisi in Siria, Il Ministero degli Esteri della Russia, Vladimir Ermakov, Siria, USA, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik