19:37 18 Settembre 2018
Donald Trump

Gli amici degli Stati Uniti non vogliono bombardare la Siria

© AP Photo / Andrew Harnik
Politica
URL abbreviato
8280

La Casa Bianca non ha ancora deciso se colpire la Siria. Lo si afferma nel comunicato dell'amministrazione americana

Donald Trump ha avuto una serie di incontri con i consiglieri, tuttavia i negoziati con i principali alleati internazionali — la Gran Bretagna e la Francia — attendono ancora. Londra segue la retorica bellicosa di Washington, mentre Parigi dichiara di verificare i dati sull'attacco chimico in Siria.

Il possibile attacco contro la Siria, proposto da Washington, è condiviso da un numero sempre minore di amici e alleati degli Stati Uniti. Berlino ha preso una posizione ferma: non ha intenzione di usare la forza a prescindere dalla decisione di Washington.

"La Germania non parteciperà mai alla possibile — ribadisco ancora una volta la parola possibile — risposta militare, ma sosteniamo tutte le azioni intraprese per dimostrare il fatto che l'uso di armi chimiche in Siria è inaccettabile", ha affermato il cancelliere tedesco Angela Merkel.

Anche a Roma si sono schierati contro il coinvolgimento militare in Siria. Hanno sottolineato che l'Italia è pronta a fornire supporto logistico alla coalizione americana, ma non intende partecipare direttamente all'intervento. Inoltre gli italiani hanno assicurato che il modo migliore per risolvere il problema è quello di sedersi al tavolo dei negoziati.

"Per quanto riguarda la questione siriana, siamo fermamente contrari a qualsiasi azione unilaterale, siamo convinti che il modo migliore per risolvere la crisi sia lo spirito di Pratica di Mare, mi riferisco all'incontro tra Russia e NATO organizzato dall'Italia. Questa esperienza passata dovrebbe essere ripetuta ora", ritiene il leader della Lega Nord Matteo Salvini.

Anche a Praga si crede che la soluzione migliore sia il dialogo. Il presidente Miloš Zeman sottolinea di essere a favore di una soluzione pacifica alla questione siriana.

L'Austria propone di attendere la relazione degli esperti dell'OPCW che sono già partiti per trasferirsi da Beirut in Siria.

Correlati:

La Russia ha le prove della messinscena dell'attacco chimico in Siria
“Trump ama bluffare, Washington non è nelle condizioni di bombardare la Siria”
Un attacco USA in Siria avrà conseguenze sui negoziati con la Corea del Nord?
Da Parigi dichiarazioni minacciose e aggressive contro la Siria
Siria, Trump fa chiarezza sui tempi di un possibile attacco
Avvistati aerei spia USA nei pressi delle basi militari russe in Siria
Tags:
Politica Internazionale, Geopolitica, Guerra, Occidente, crisi in Siria, Angela Merkel, Donald Trump, USA, Siria, Germania, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik