12:49 18 Luglio 2018
Combattenti di Jaish al-Islam

Crisi siriana, Mosca sicura: USA vogliono impedire la ritirata degli islamisti da Douma

© AFP 2018 / ABD DOUMANY
Politica
URL abbreviato
9241

Gli Stati Uniti, dichiarando l'ennesimo attacco chimico perpetrato da Damasco, cercano disperatamente di fermare la ritirata degli islamisti di Jaish al-Islam dalla città siriana di Douma e far saltare l'offensiva delle forze governative.

Lo ha dichiarato oggi il presidente della commissione Esteri del Consiglio della Federazione (camera alta del Parlamento russo) Konstantin Kosachev.

"Dalla portata e dal clamore attorno alle nuove notizie false, è del tutto ovvia la banalità dell'obbiettivo: interrompere la ritirata dei combattenti di Jaish al-Islam da Douma e scongiurare l'offensiva delle forze governative siriane", — Kosachev ha scritto su Facebook.

In precedenza un rappresentante del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti aveva riferito a Sputnik che Washington valutava le notizie sull'uso di armi chimiche a Douma. Ha osservato che "non c'è dubbio sulla responsabilità del regime siriano per gli attacchi chimici nel passato" ed allo stesso tempo ha accusato la Russia di essere corresponsabile per il suo sostegno ad Assad.

In precedenza il Centro russo per la riconciliazione delle parti siriane in conflitto ha smentito le notizie sul bombardamento al cloro di Douma delle forze governative siriane. Ha evidenziato di essere pronto ad inviare esperti di armi chimiche e biologiche per raccogliere i campioni per dimostrare la natura ingannevole di queste ricostruzioni.

Correlati:

Militari russi in Siria reagiscono alle accuse americane
USA ritengono responsabili la Russia per il possibile uso di armi chimiche in Siria
Islamisti di Jaish al-Islam chiedono di negoziare con Damasco
Tags:
Terrorismo, Politica Internazionale, Occidente, Opposizione siriana, Armi chimiche, crisi in Siria, Jaish al-Islam, Esercito della Siria, Konstantin Kosachev, Bashar al-Assad, Siria, USA, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik