23:20 12 Dicembre 2018
Bandiere di Stati Uniti e NATO

“La Francia deve confermare la sua indipendenza strategica della NATO”

© REUTERS / Yves Herman/File Photo
Politica
URL abbreviato
10350

Venerdì 2 marzo il corrispondente documento è stato introdotto da deputati della sinistra radicale "La France Insoumise" all'Assemblea Nazionale. Nell'emendamento al disegno di legge sulla pianificazione militare dal 2019 al 2025, si invita il Paese a ribadire l'indipendenza strategica della NATO.

"Dovunque la NATO è intervenuta, come ad esempio in Afghanistan o in Libia, tutto è degenerato in un caos indescrivibile, accompagnato dall'aumento del terrorismo, milioni di profughi, città in rovina e la scomparsa dello Stato dalla mappa del mondo."

Djordje Kuzmanovic, responsabile di politica estera e difesa di La France Insoumise:

"Questo emendamento è parte del programma presentato da La France Insoumise durante la campagna elettorale per l'Eliseo. In questo programma si proponeva l'uscita dalla NATO, che è un'organizzazione militarista che ostacola l'adozione di decisioni strategiche da parte della Francia, la priva della sua indipendenza e della possibilità di influenzare il destino del mondo. Basta stare in disparte dietro gli Stati Uniti".

"La NATO è l'incarnazione militare delle aspirazioni egemoniche degli Stati Uniti. Vogliamo un'Europa forte e indipendente, che abbia la propria posizione sulla politica internazionale? O vogliamo un'Europa che obbedisce agli ordini degli Stati Uniti?

Bandiera della Francia
© AFP 2018 / PATRICK KOVARIK
Abbiamo già avuto modo convincerci che gli Stati Uniti fanno di tutto per ostacolare che l'Europa stessa determini la propria posizione su varie questioni internazionali. Vietano di vendere le armi a determinati Paesi, basti pensare al caso della vendita dei caccia Rafale all'Egitto. La stessa cosa a livello geopolitico: Jean-Yves Le Drian, recatosi in visita in Iran, di fatto ha sostenuto la nuova linea di politica estera di Donald Trump, che porta ad un nuovo ciclo di tensioni con l'Iran. Per non parlare della situazione in Ucraina, dove ci siamo messi sulla stessa barca degli Stati Uniti, perché la crisi ucraina è una sfida per la pace in Europa. Questo discorso vale anche per il sistema di difesa missilistica, in cui la Francia è coinvolta nel 2012 su iniziativa di Francois Hollande, e risulta uno dei principali motivi della tensione attuale nei rapporti con la Russia.

Come si può vedere, in Europa e in particolare la Francia, l'indipendenza e la pace sono possibili solo al di fuori del sistema della NATO."

"Chiediamo anche la revisione dei trattati europei. Siamo contro la difesa europea, non perché è europea, ma perché oggi non viene considerata al di fuori del sistema NATO. Pertanto fuori dalla struttura della NATO è possibile solo con la revisione dei trattati europei, in particolare per quanto riguarda la difesa."

"La NATO ha senso solo nel contesto di guerra. Questa organizzazione doveva essere seppellita insieme al Patto di Varsavia. Tuttavia, contrariamente alle promesse fatte prima all'Unione Sovietica e poi alla Russia, l'espansione della NATO si è spinta verso est fino alla Georgia ed Ucraina, riflettendosi nei rapporti con la Russia. Con certezza si può dire che la NATO ostacola i buoni rapporti tra la Francia e la Russia".

Correlati:

La NATO sosterrà la Turchia contro le minacce missilistiche provenienti dalla Siria
In Lettonia tra maggio e giugno si svolgeranno 5 esercitazioni militari con USA e NATO
Ucraina riceve lo status di “Paese aspirante” alla NATO
La NATO effettuerà esercitazioni su larga scala ai confini con la Russia
Tags:
Geopolitica, Politica Internazionale, Difesa, Occidente, Sicurezza, NATO, Djordje Kuzmanovic, Francia, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik