19:59 18 Settembre 2018
Il ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif

"Gli USA diventeranno un Paese canaglia se romperanno l'accordo nucleare con l'Iran"

© AFP 2018 / ATTA KENARE
Politica
URL abbreviato
15281

Lo ha dichiarato in un'intervista esclusiva con l'edizione iraniana di Sputnik durante la conferenza sul Medio Oriente del club internazionale di discussione Valdai il capo della diplomazia di Teheran Mohammad Javad Zarif, che ha parlato delle condizioni in cui si trova l'accordo nucleare e delle discussioni incessanti dell'establishment americano.

"Oggi la situazione è tale che l'intera comunità internazionale, compresi gli americani ad eccezione dell'amministrazione Trump, Israele e due o tre paesi del Medio Oriente, concorda sul fatto che l'accordo nucleare è un documento internazionale e non un trattato bilaterale tra gli Stati Uniti e l'Iran. Gli accordi internazionali non possono essere modificati unilateralmente da uno dei firmatari. Se questa prassi [rottura unilaterale degli accordi internazionali, ndr] diventerà una norma generalmente accettata su scala globale, diventerà più difficile negoziare. I Paesi che hanno stipulato un accordo con gli Stati Uniti, in caso di cambiamento nel governo americano, considereranno che occorre discutere e modificare nuovamente l'accordo.

Pertanto quello che sta accadendo ora nella comunità internazionale relativamente all'accordo nucleare è in realtà più importante del documento stesso, in quanto riguarda l'ordine internazionale. Un accordo internazionale non sarà mai raggiunto se un Paese, pur essendo una superpotenza, è in grado di trascurare i suoi precedenti obblighi e di rompere l'accordo.

Oggi, tenendo conto delle esigenze della comunità internazionale nel risolvere diverse questioni, i vari Paesi hanno un interesse comune per non sostenere l'approccio statunitense relativo all'accordo nucleare. Al contrario si oppongono. È chiaro che anche se gli Stati Uniti decidessero di ritirarsi unilateralmente dall'accordo o di romperlo, si isolerebbero e diventerebbero un Paese canaglia sulla scena globale.

Lo consideriamo come una questione di principio. Ma resta da vedere come si realizzerà concretamente la resistenza dei Paesi europei [rispetto alla posizione statunitense sull'accordo, ndr]. Gli europei insistono nei negoziati che prenderanno tutti i provvedimenti necessari [per mantenere l'accordo, ndr]. Anche negli interventi pubblici, affermano in primo luogo che non accetteranno in alcun modo una revisione dell'accordo firmato. In secondo luogo sono propensi a preservare i propri interessi e a preservare gli accordi raggiunti sulla base del documento. Dobbiamo vedere cosa faranno in particolare gli europei [per proteggere l'accordo, ndr], quanto dimostreranno la loro volontà politica.

Certamente non vogliamo spaventare nessuno. Tuttavia vorremmo che tutti pensassero con sobrietà e con la massima attenzione prendessero decisioni consapevoli. Sfortunatamente gli Stati Uniti non hanno mai adempiuto agli obblighi previsti dall'accordo. Ma nel caso di rottura unilaterale ed ufficiale dell'accordo da parte degli Stati Uniti, l'Iran ha preparato una serie di misure che agli americani sicuramente non piaceranno. Il tipo di scenario d'azione che l'Iran attuerà dipende dalla saggezza delle autorità statunitensi. Dirò una cosa, che coloro che hanno cervello dovrebbero avere paura di queste azioni (dell'Iran, ndr).

Gli Stati Uniti cercano sempre di usare il progresso tecnologico per attuare le loro politiche distruttive. E questo caso non fa eccezione. Tuttavia, in questa situazione, è importante prestare attenzione alla necessità di un uso ottimale del cyberspazio. Il cyberspazio dei social network ha creato l'opportunità di rovesciare il monopolio dell'informazione. La realtà è che oggi gli imperi mediatici, che sono per lo più controllati dall'Occidente e dai sionisti, si stanno sgretolando a spese dell'espansione del cyberspazio dei social network.

Naturalmente gli Stati Uniti, ricorrendo a diversi modi di influenza, cercano di riguadagnare la loro forza perduta di monopolio dell'informazione. Pertanto, è estremamente importante per gli utenti e i governi dei nostri stati utilizzare apertamente questa opportunità.

In effetti non è una brutta opportunità, perché i social network sono stati in grado di rompere il monopolio mediatico occidentale e dei sionisti. Occorre utilizzarli nel modo migliore con una prospettiva per il futuro.

Correlati:

Putin e Rouhani discutono programma nucleare iraniano
Nucleare iraniano, interviene la Cina
Russia giudica negativi i diktat di Trump sull'accordo nucleare iraniano
Nikki Haley spiega la decisione di Trump sull’accordo nucleare con l'Iran
Tillerson: gli USA stanno per cambiare l'accordo sul nucleare in Iran
L'Iran spera nel trionfo del buon senso riguardo l’accordo nucleare
Russia chiederà a Francia, Germania e UK di convincere USA su accordo nucleare Iran
Tags:
Nucleare, Geopolitica, Politica Internazionale, Diplomazia Internazionale, accordo nucleare, Accordo con Iran, Casa Bianca, Mohammad Zarif, Donald Trump, Israele, Iran, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik