01:13 24 Aprile 2018
Roma+ 17°C
Mosca+ 0°C
    La bandiera della Finlandia

    Ministro Esteri finlandese: una Russia stabile è nel nostro interesse

    © Sputnik . Vadim Antsupov
    Politica
    URL abbreviato
    209

    Una Russia stabile è nell'interesse della Finlandia, ma la situazione in questo paese, dove l'economia dipende dalle risorse naturali e la società civile non ha un peso significativo, è allarmante. Lo scrive il ministro degli Esteri finlandese, Timo Soini, sul Dagens Nyheter.

    A causa delle azioni della Russia, sostiene Soini, a partire dal 2014, l'Europa si trova in una nuova situazione dal punto di vista della politica di sicurezza. In tali circostanze, una stretta cooperazione tra Helsinki e Stoccolma svolge un ruolo più importante che mai.

    In futuro, il sistema di sicurezza europeo dovrebbe essere costruito su contratti e cooperazione, e non sulla forza delle armi e dei dettami unilaterali.

    "Non vogliamo che il conflitto in Ucraina diventi una nuova norma", sottolinea il ministro.

    La Russia è l'immediato vicino della Finlandia, e questo fatto è fuori dubbio. Per molto tempo il nostro approccio alla Russia è stato costruito su un misto di determinazione e dialogo. Siamo fermamente legati ai nostri principi, ma siamo pronti per una discussione aperta ", osserva l'autore.

    Tuttavia, secondo Soini, ci sono motivi di preoccupazione per la situazione in Russia.

    "L'economia di questo paese si trova su un terreno instabile, perché dipende dai combustibili fossili. Lo Stato di diritto e la società civile sono deboli. Una Russia stabile è nel nostro interesse, ma se tutto va avanti così, a lungo termine il futuro non sembra roseo", afferma il ministro.

    Secondo Soini, la nuova situazione della sicurezza ha portato all'emergere di nuove e difficili domande. La Finlandia ha sempre investito non solo in una difesa affidabile, ma ha anche fatto affidamento su una politica estera attiva.

    Bandiere di NATO e Stati Uniti
    © AP Photo / Virginia Mayo

    "A causa della crisi in Ucraina, siamo costretti a ricostruire il sistema di sicurezza in Europa. Quando la fiducia scompare, non è facile ricostruirla. In questo numero, dobbiamo esprimere chiaramente la nostra posizione: non faremo compromessi a scapito dell'Ucraina o dell'Europa: il diritto internazionale dovrebbe essere rispettato senza riserve", sottolinea Soini.

    Sia la Finlandia che la Svezia traggono vantaggio dal fatto che seguono un corso comune nel campo della politica di sicurezza. Entrambi i paesi sono interessati che l'UE sia in grado di reagire ai problemi in questa sfera in modo più efficace, anche quando si tratta di attacchi militari.

    Per quanto riguarda la cooperazione difensiva, Helsinki e Stoccolma, secondo l'autore, si trovano in un ambiente che favorisce la cooperazione, poiché aderiscono a un valore, che spesso si manifesta in una posizione simile su importanti questioni internazionali.

    "È importante che la nostra cooperazione in materia di politica estera si occupi anche di aspetti fondamentali della sicurezza quali la prevenzione dei conflitti, il rafforzamento della pace, l'uguaglianza e la protezione di un sistema internazionale multipolare. Non meno importante, dobbiamo cercare di influenzare la politica degli Stati Uniti, e mi sembra che otterremo risultati migliori se agiremo insieme come paesi del nord", riassume il ministro.

    Correlati:

    L'ambasciata russa in Finlandia non commenta l'ultimo scandalo spionaggio
    Finlandia, fuga dati segreti di sorveglianza su militari russi
    Stoltenberg: la Finlandia ha "un ruolo speciale" nelle relazioni NATO-Russia
    Tags:
    relazioni, Futuro, Media, Cooperazione, Sicurezza, Dialogo, Finlandia, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik