08:39 25 Novembre 2017
Roma+ 12°C
Mosca-6°C
    Incontro alla Casa Bianca tra Erdogan e Trump (foto d'archivio)

    Erdogan spiega perchè non può considerare gli USA "un Paese civilizzato"

    © REUTERS/ Kevin Lamarque
    Politica
    URL abbreviato
    131441173

    Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha dichiarato di non poter considerare gli Stati Uniti un Paese civilizzato dopo che le autorità americane hanno emesso mandati di arresto contro le sue guardie del corpo.

    "Se vengono emessi mandati di arresto contro 13 guardie del corpo in un Paese dove sono giunto per una visita su invito allora, purtroppo, non posso dire che questo Stato sia civilizzato", ha detto Erdogan ad Istanbul.

    Il suo intervento è stato trasmesso dal canale NTV.

    Lo scorso maggio, durante la visita del capo di Stato turco negli Stati Uniti, c'è stato uno scontro tra le sue guardie e i manifestanti con le bandiere del Partito dei Lavoratori del Kurdistan. Come testimoniano le immagini, Erdogan assisteva personalmente mentre le sue guardie del corpo picchiavano i manifestanti.

    Le autorità americane hanno citato in giudizio 19 persone protagoniste degli scontri, tra cui 13 uomini delle forze di sicurezza turche.

    Il Dipartimento di Stato americano aveva ufficialmente stigmatizzato la reazione della scorta del presidente turco.

    A sua volta Ankara aveva respinto le accuse, sostenendo che gli scontri erano avvenuti per la rinuncia delle autorità statunitensi ad adottare le misure di sicurezza necessarie.

    Correlati:

    Erdogan accusa l'Occidente di sostenere i terroristi
    Erdogan parla della crescente spaccatura tra Oriente e Occidente
    L'antipatia di Putin e Erdogan verso l' Occidente più forte del disaccordo sulla Siria
    Erdogan: l’occidente non ha fatto nulla di positivo per la Turchia
    Affondo di Erdogan contro l'Occidente: nessuna lezione sui diritti umani
    Tags:
    Politica Internazionale, Società, Occidente, Recep Erdogan, Turchia, USA
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik