03:54 27 Giugno 2019
Ex combattenti SS manifestano in Estonia (foto d'archivio)

Spiegel: la comunità russa nei Paesi Baltici vive in una condizione di apartheid

© Sputnik . Alexei Olis'ko
Politica
URL abbreviato
111016

Nonostante le ripetute richieste dell'Unione Europea di fermare la discriminazione, i diritti della popolazione russofona nei Paesi Baltici vengono ancora sistematicamente violati, scrive Der Spiegel. Il fatto che si tratti di apartheid per i cosiddetti “non cittadini” della Lettonia e dell'Estonia trova conferme nella vita di tutti i giorni.

In Estonia e Lettonia i diritti degli ex cittadini dell'Unione Sovietica, principalmente di origine russa, vengono "violati sistematicamente", scrive Der Spiegel.

"Non hanno il diritto di voto. Non hanno il diritto di lavorare da dirigenti dell'amministrazione pubblica, nella polizia e nell'esercito. Non hanno altresì il diritto di ricoprire molte posizioni nell'amministrazione pubblica. Vengono discriminati per il calcolo della pensione. Senza un'autorizzazione particolare non possono recarsi all'estero per lavorare. Inoltre è per loro estremamente difficile viaggiare", spiega il tabloid.

"Sembra l'apartheid". Per circa 330mila cosiddetti non cittadini in Lettonia e in Estonia questa situazione discriminatoria si ritrova nella vita quotidiana, prosegue Der Spiegel. Si tratta dei cittadini dell'ex Unione Sovietica e dei loro figli che dopo la proclamazione dell'indipendenza degli Stati Baltici hanno ottenuto uno "status speciale", dopodichè per essere "naturalizzati" dovevano passare attraverso "procedure burocratiche fastidiose per ottenere la cittadinanza".

Infatti, come osserva Der Spiegel, le regole per i non cittadini dovevano restare in vigore solo temporaneamente.

"Tuttavia si sono trasformate in misure di lungo termine, nonostante le ripetute richieste della UE per porre fine alla discriminazione", — rileva il tabloid tedesco.

Der Spiegel richiama l'attenzione sul fatto che nei Paesi Baltici i madrelingua russi sono ancora trattati come "ex occupanti". La minoranza russofona è inoltre accusata di "mancanza di fedeltà alla loro nuova patria" e di assenza di solidarietà per "la tragedia dei Paesi Baltici durante l'occupazione."

"Venticinque anni fa lo status di non cittadino era una misura necessaria per stabilizzare la situazione in Estonia e in Lettonia", Spiegel cita il politologo lettone Ivars Labs. "Lo status di non cittadino però non è più attuale e rafforza solo la mancanza di unità".

Correlati:

In Lettonia raccolta firme per smantellare monumento ai soldati sovietici
In Lettonia pubblicate istruzioni su come individuare le spie
Lettonia, madre smarrisce figli in centro commerciale e le negano appello in lingua russa
In Lettonia il sindaco di Ventspils è sotto controllo per un discorso in lingua russa
In Lituania condannato a 10 anni di reclusione per “spionaggio” cittadino russo
Lituania, produttore di gelato accusato di propaganda sovietica
Tags:
URSS, Russofobia, Razzismo, Società, Der Spiegel, Lettonia, Paesi Baltici, Estonia, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik