23:07 21 Luglio 2018
A parole sono già in guerra il presidente americano Donald Trump e il leader nordcoreano Kim Jong-un

USA pronti a reazione piena in caso di nuove minacce della Corea del Nord

© AP Photo / Ahn Young-joon, File
Politica
URL abbreviato
40223

Gli Stati Uniti sono pronti a rispondere pienamente in caso di nuove provocazioni della Corea del Nord, ha dichiarato l'assistente del segretario di Stato Susan Thornton.

In una conferenza stampa per i giornalisti stranieri, le è stato chiesto di commentare le dichiarazioni del presidente Donald Trump, che aveva affermato testualmente dalla tribuna delle Nazioni Unite di essere pronto a distruggere la Corea del Nord.

"Il presidente ha dichiarato che la Corea del Nord sembra intenzionata ad attaccare o realizzare provocazioni contro gli Stati Uniti e i suoi alleati. Se accadrà, gli Stati Uniti saranno pronti a reagire pienamente per proteggere i propri interessi", ha detto la Thornton.

Secondo la Thornton, "è importante capire che questa è stata una dichiarazione sulla risposta in caso di attacco o provocazione da parte di Pyongyang".

Allo stesso tempo la rappresentante del Dipartimento di Stato ha preso atto dell'isolamento di Pyongyang nella comunità internazionale.

Correlati:

Corea del Nord, Trump: Kim Jong-un sarà testato come mai prima
Corea del Nord, Russia: Non c'è altra via che quella politica e diplomatica
In Russia si commentano le nuove sanzioni unilaterali USA contro la Nord Corea
Nord Corea valuta test nucleare "mai visto" nel Pacifico come reazione ad azioni di Trump
Nord Corea, Kim Jong-un: sviluppo armi nucleari necessario per ritorsione contro USA
USA sicuri, presto la Corea del Nord sentirà l'effetto delle sanzioni
Tecnologia militare sovietica in Nord Corea: Kim Jong-un ha un'arma segreta?
Seconda guerra di Corea: quali conseguenze dal conflitto tra USA e Pyongyang?
Tags:
Guerra, Geopolitica, Politica Internazionale, Dipartimento di Stato USA, Susan Thornton, Donald Trump, Penisola coreana, USA, Corea del Nord
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik