09:25 26 Settembre 2017
Roma+ 14°C
Mosca+ 11°C
    Indipendentisti catalani

    Catalogna al premier spagnolo Rajoy: "referendum sull'indipendenza lo vuole il popolo"

    © REUTERS/ Andrea Comas
    Politica
    URL abbreviato
    865471

    I politici catalani, che in precedenza avevano annunciato per il 1° ottobre il referendum per l'indipendenza dalla Spagna, hanno inviato una lettera al premier spagnolo Mariano Rajoy e al Re Felipe VI.

    La lettera, di cui alcuni passaggi vengono riportati dal sito elnacional.cat, è stata firmata dal governatore della Catalogna Carles Puigdemont, dal suo vice Oriol Junqueras, dal presidente del Parlamento regionale Carme Forcadell e dal sindaco di Barcellona Ada Colau.

    Gli autori della lettera fanno appello "al dialogo per discutere come concordare affinchè i catalani possano svolgere il referendum". "Un dialogo aperto e senza condizioni. Un dialogo politico, dalla posizione di legittimità che ciascuno rappresenta, per rendere possibile quello che nelle democrazie non è mai un problema o un crimine: ascoltare la voce della società civile", — si legge nella lettera.

    I politici catalani hanno accusato le autorità spagnole della mancanza di volontà di "aprire la porta al dialogo". "Il governo spagnolo ha adottato misure repressive senza precedenti, da censure nei media alla creazione di ostacoli per lo svolgimento di manifestazioni e minacce ai media, fino ad arresti e sospensioni del 75% dei sindaci della Catalogna perché hanno dimostrato di voler partecipare al referendum."

    La lettera afferma inoltre che "nei sistemi democratici i conflitti politici si risolvono attraverso proposte politiche, frutto di negoziati e dialogo".

    I politici catalani prendono atto che esiste un evidente conflitto tra la Catalogna e la Spagna, ma assicurano di essere "pronti al dialogo". "La nostra disponibilità per il dialogo è stata, è e sarà permanente", si evidenzia nella lettera.

    Le autorità della Catalogna hanno indetto il 1° ottobre il cosiddetto "referendum dell'indipendenza", che tuttavia il governo centrale spagnolo non riconosce. La Corte Costituzionale spagnola ha sospeso tutti i documenti relativi al referendum approvati dal governo e parlamento regionale catalano. Pertanto, secondo Madrid, le azioni politiche catalane orientate al referendum sono illegali.  

    Correlati:

    Procura generale Spagna denuncia Catalogna per convocazione referendum sull’indipendenza
    Madrid prevede disastro economico per la Catalogna indipendente dalla Spagna
    Perché l’Europa dovrebbe guardare benevolmente un referendum in Catalogna
    Spagna, Catalogna: referendum indipendenza il 1 ottobre
    La Catalogna riconoscerà l’appartenenza russa della Crimea
    Tags:
    politica interna, Indipendenza, Politica Internazionale, Giustizia, Mariano Rajoy, Catalogna, Spagna
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik