22:54 22 Novembre 2017
Roma+ 15°C
Mosca-2°C
    Soldati nordcoreani a parata militare (foto d'archivio)

    “Interessi diversi per Cina e Russia, ma non vogliono crollo del regime in Nord Corea”

    © Sputnik. Iliya Pitalev
    Politica
    URL abbreviato
    53049175

    La Russia e la Cina sono i soli alleati della Corea del Nord, tuttavia i test nucleari di Pyongyang sono visti con molta preoccupazione da entrambe le potenze.

    Mosca e Pechino hanno interessi diversi nella regione, ciononostante hanno convenuto di cooperare insieme per risolvere la questione nucleare nordcoreana per evitare la caduta del regime, che porterà nuova instabilità vicino ai loro confini, scrive South China Morning Post.

    Al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite lunedì, su richiesta degli Stati Uniti, è prevista la votazione della risoluzione che dovrebbe imporre le sanzioni più pesanti mai inflitte contro la Corea del Nord, scrive South China Morning Post. Nel frattempo la Russia e la Cina stanno cercando di opporsi a questo sviluppo degli eventi.

    La bozza di risoluzione presentata dagli Stati Uniti contiene disposizioni per l'embargo alle forniture di petrolio in Corea del Nord, il divieto di importazione dei tessuti, il congelamento dei conti di Kim Jong-un e il blocco del pagamento degli stipendi ai lavoratori nordcoreani.

    Secondo gli analisti, la richiesta di Washington per una votazione in tempi ridotti dimostra quanto l'amministrazione americana sia preoccupata dai nuovi test nucleari della Corea del Nord e come stia cercando di mettere pressione sulla Cina in questo modo.

    Anche se la Cina ha fatto capire che probabilmente sosterrà le nuove sanzioni contro Pyongyang, gli ambienti diplomatici si aspettano che ancora una volta Pechino e Mosca si opporranno all'iniziativa americana. Come affermato dall'autore dell'articolo, la Russia e la Cina sono gli unici alleati della Corea del Nord ed hanno formato una sorta di asse per controbilanciare gli Stati Uniti che richiedono nuove sanzioni. Poche ore dopo l'ultimo test di Pyongyang, i leader di questi Paesi Xi Jinping e Vladimir Putin hanno convenuto di rafforzare il coordinamento per risolvere la crisi nordcoreana. Allo stesso tempo il ministro degli Esteri cinese ha osservato che bisogna risolvere il problema tramite il dialogo.

    Secondo gli analisti, anche se gli interessi di Mosca e di Pechino in Corea del Nord sono diversi, entrambe le potenze sono preoccupate dai rischi legati al possesso di armi nucleari di Pyongyang.

    La Cina rappresenta il 90% di tutto il commercio estero della Corea del Nord. Anche se lo scambio commerciale tra Russia e Corea del Nord è stimato in meno di 100 milioni di dollari, i loro legami sono abbastanza forti.

    Ad esempio lo scorso gennaio era stato riferito che Mosca e Pyongyang erano intenzionate a rafforzare la cooperazione per la costruzione delle infrastrutture ferroviarie in Corea del Nord. Inoltre la Russia contava sull'utilizzo della forza lavoro nordcoreana. Come scritto dal giornale, alcuni elementi del programma nucleare nordcoreano presumibilmente hanno una matrice russa.

    "Sia la Russia che la Cina sono interessate alla conservazione del regime in Corea del Nord, vista come una sorta di tampone in una regione dominata dagli alleati degli Stati Uniti dell'Asia nordorientale", l'articolo riporta le parole del politologo russi Artem Lukin. Pertanto, a suo parere, Mosca e Pechino temono che il crollo del regime nordcoreano porterà ad un aumento dell'instabilità vicino i loro confini.

    La Cina e la Russia criticano apertamente lo schieramento dei sistemi anti-missili Thaad in Corea del Sud, inoltre hanno firmato un accordo di cooperazione, in cui si impegnano di lavorare insieme per preservare la pace e la stabilità nella regione. Tuttavia, secondo i politologi cinesi, se Pechino è rigidamente contraria al possedimento di armi nucleari da parte di Pyongyang, la Russia può accettare con meno difficoltà questa situazione, dal momento che il suo confine con la Corea del Nord è molto più piccolo rispetto a quello della Cina.

    Allo stesso tempo il ruolo attivo della Russia nel risolvere la crisi nordcoreana è parte di una partita geopolitica tra le principali potenze del mondo, osserva South China Morning Post.

    "La Corea del Nord vede ora un sostegno importante dalla Russia, mentre i suoi rapporti con la Cina stanno diventando più tesi", l'articolo riporta l'opinione dei politologi.

    Correlati:

    Kim Jong-un ordina agli scienziati di migliorare le armi nucleari
    Media: le opzioni degli USA per far pressione su Kim Jong Un
    Il piano del Pentagono per uccidere Kim
    Kim Jong-un ordina ai militari di essere pronti a colpire in qualsiasi momento
    “Furia e fuoco” di Trump o i missili di Kim: di chi deve aver paura il mondo?
    Crisi Nord Corea, “USA ricattano la Cina con sanzioni contro le banche”
    Stoltenberg: le azioni della Corea del Nord hanno bisogno di una risposta globale
    Tags:
    Armi nucleari, Politica Internazionale, Geopolitica, Sanzioni, Consiglio di Sicurezza ONU, Kim Jong-un, Asia, Cina, Russia, USA, Penisola coreana, Corea del Nord
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik